Oltre 30 aziende leader mondiali tra cui Versace, Oracle, Coca-Cola HBC, svolgono colloqui a più di 400 studenti alla Career Fair di Rome Business School

Oltre 30 aziende leader mondiali tra cui Versace, Oracle, Coca-Cola HBC, hanno svolto colloqui a più di 400 studenti alla Career Fair di Rome Business School, permettendo ai giovani talenti di conoscere da vicino le aziende e collegando accademia e mondo del lavoro tramite le offerte reali di carriera.
Roma, (informazione.it - comunicati stampa - istruzione e formazione)
  • Rome Business School riconferma il forte link con le aziende: in un solo giorno 67 HR Manager di top company incontrano al campus di RBS oltre 400 studenti per scovare nuovi talenti;
  • Tra le aziende partecipanti: Versace, Oracle, Valentino, Hays, Deloitte, Generali;
  • Workshop e Company Meeting svolti da Coca-Cola HBC, Gi Group, Oracle e Banca Iccrea, servizi di revisione del CV e preparazione ai colloqui durante tutto il corso della giornata per fornire agli studenti gli strumenti adeguati per ottenere opportunità di carriera;
  • L’obiettivo quello di connettere direttamente i migliori employability partners con gli studenti RBS per offrire alle aziende leader partecipanti l’opportunità di esplorare il loro valore qualitativo, e fornire ai giovani concrete opportunità di networking e professionali;
  • Grazie al Career Service RBS conta oggi un tasso di collocamento dei propri studenti del 97%;
  • Nel 2021 l’84% degli studenti ha perfezionato la propria posizione in azienda e il 74% ha ottenuto un aumento nella retribuzione di oltre il 20%, con una crescita salariale media del 34% dopo 6 mesi dal completamento degli studi.

Roma, 23 giugno 2022. Rome Business School, partner del network Formación y Universidades fondato nel 2003 da De Agostini e dal Gruppo Planeta, ospita alla Career Fair 2022 più di 400 studenti e 34 aziende top player nel mondo con l’obiettivo di collegare accademia e mondo del lavoro offrendo reali opportunità di carriera a giovani talenti.

In un solo giorno: oltre 30 aziende italiane e internazionali partecipanti tra cui Versace, Hays, Generali, Soho House, Valentino (12 in più rispetto all’edizione precedente); 67 HR Manager impegnati in continui colloqui con gli studenti; 4 tra Company meeting e Workshop con Coca-Cola HBC, Gi Group, Oracle e Banca Iccrea sui nuovi trend in campo HR; attività di CV Clinic e Mock Interview condotte dal Career Service di RBS allo scopo di preparare gli studenti al meglio per colloqui e opportunità di networking.

Con la Career Fair 2022 RBS si posiziona tra le Business School di riferimento in questo tipo di eventi.

Domenico Scordino, Senior HR Recruiter per Versace, ha commentato: “Alla RBS Career Fair abbiamo avuto l’opportunità di incontrare tanti nuovi talenti che vorrebbero iniziare una nuova carriera con noi. Abbiamo cercato candidati capaci di pensare fuori dagli schemi, in grado di apportare nuovi approcci, far crescere l’azienda rendendola sempre più dinamica.”

Gli studenti hanno avuto l’opportunità di candidarsi a posizioni aperte, farsi conoscere dai recruiter, consegnare i propri CV, fare esperienza di colloqui di lavoro in molteplici settori, migliorare le proprie skills e abilità comunicative, approfondire i processi di reclutamento, ricevere preziosi consigli direttamente da professionisti HR e, soprattutto, conoscere da vicino le aziende.

È infatti sempre più importante per ogni realtà investire oggi in Employer Branding per attrarre e fidelizzare i talenti, come sottolinea Laura Liguori, Local HR Business Partner presso Oracle: “le retention economiche non sempre bastano per trattenere i talenti, è necessario garantire al dipendente un certo benessere, sia mentale che fisico. Ad Oracle per esempio, abbiamo una palestra e una sala meditazione in azienda. Non solo, responsabilità sociale, diversity, e inclusion, devono trasformarsi in progetti reali: da noi ogni euro che un dipendente dona, Oracle ne regala un altro. Ciò, oltre a far del bene, porta benefici anche in termini di business.”

Molti professionisti hanno evidenziato inoltre quanto è importante il dipendente conosca e creda veramente nei valori dell’azienda, e li veda promossi tramite azioni tangibili. Tra loro Flavia Cioffi, Talent Acquisition Senior Manager presso Valentino, “Oggi il mercato del lavoro è decisamente cambiato, e la great resignation ce lo dimostra. La sfida è trovare il candidato giusto per il ruolo e il team giusto che sia anche vicino ai valori aziendali, in modo di stabilire poi una relazione continuativa”. E aggiunge: “Tra i valori più importanti in Valentino, la diversità. Da noi non è soltanto un claim, ma la nostra bussola morale: nelle nostre leadership behaviour si parla di diversity, equity, integrity, ed è l’aria che si respira nei corridoi, un ambiente multiculturale, dove c’è molta eterogeneità anche in termini di background”.

In merito invece a cosa cercano gli HR sul mercato e le skills che i giovani devono maggiormente sviluppare, Martina Boccuti, HR Manager di Digital Angeles spiega: “Quando andiamo a selezionare le nostre figure, cerchiamo persone proattive, che abbiano la voglia di sperimentarsi e creative, con conoscenze in digital marketing, data analytics, e che siano aggiornati su quello su cui oggi le aziende puntano: metaverso, NFT, blockchain in primis.” Per Elsa Tafesse, Sentior Talent Acquisition Partner per Coca-Cola HBC: “il candidato ideale deve mostrarsi soprattutto desideroso di imparare, migliorarsi, saper mettersi in discussione, aperto alla diversità e inclusivo.”

Rome Business School ha infatti l’obbiettivo di formare futuri manager che siano inclusivi e innovatori, che sviluppino competenze professionali e qualità personali, ambiziosi, ma dall’approccio responsabile e umano, appassionati del proprio lavoro. Vuole avere un impatto positivo sulla società e sul percorso professionale di ciascun studente. Per farlo, offre ai propri studenti durante tutta la durata del Master molteplici opportunità per entrare con confidenza e sicurezza nel mercato di lavoro. Attraverso i Career Services, disponibili lungo tutto l’anno, gli studenti sono supportati nel costruire un profilo altamente professionale. Al suo interno si trova il Career Acceleration Program, un servizio attraverso il quale, come spiegato da Florinda Orsini, Head of Career Services presso RBS, “aiutiamo ciascun studente a individuare goal occupazionali e di carriera e a puntare sui propri talenti nel modo più accurato possibile. Con esso offriamo servizi di orientamento professionale one-to-one, workshops e masterclass sullo sviluppo di carriera con i quali aiutiamo ciascun studente a migliorare la consapevolezza delle proprie competenze, definendo e raffinando i propri obiettivi professionali. Tramite la fruizione del programma Career Accelerator gli studenti hanno l’opportunità di trasformare la teoricità dei loro learnings accademici in competenze pratiche”. Un’altra strada che gli studenti possono scegliere, è il percorso RBS4Entrepreneurship, che supporta e accompagna lo sviluppo di start-up innovative in molteplici ambiti. Oggi il 20% dei laureati RBS è imprenditore, il 20% delle loro aziende ha tra gli 11 e i 50 dipendenti, e il 74% di queste opera a livello internazionale.

La Career Fair 2022 conferma l'eccellenza della Rome Business School nel rapporto con il mondo del lavoro. Prestigiose aziende nazionali e internazionali hanno infatti deciso di proporre le loro opportunità di reclutamento agli studenti e di condividere i loro consigli professionali. Siamo inoltre particolarmente felici del fatto che i riscontri delle aziende presenti siano molto positivi rispetto alla qualità dei nostri studenti e alla loro preparazione. In questo modo, la Rome Business School si posiziona non solo come la più internazionale Business School d'Italia, ma anche come esclusivo punto di contatto tra la formazione e il mondo produttivo”, afferma Antonio Ragusa, Dean di RBS.

Francesca, studentessa dello Specialized Master in HR & Organization, ha commentato così la sua esperienza: “Ho incontrato tantissime aziende, sono stati tutti incontri estremamente interessanti e utili per il mio futuro, abbiamo parlato molto di soft skills, inclusività e di quanto sia importante trasmettere energia e motivazione in un colloquio di lavoro”, e aggiunge: “Al di là delle soft skills, quello che non deve mai mancare è l’entusiasmo nel voler crescere, mettersi alla prova, e non smettere mai di imparare”.

La prossima Career Fair avverrà in autunno e sarà in modalità virtuale, in modo da dare la possibilità anche a tutti gli studenti online di incontrare le aziende partner coinvolte, è attesa quindi una partecipazione ancora più ampia.

_______________________

Sulla Rome Business School:

Rome Business School è un istituto di formazione post-universitaria con base a Roma ma operante su scala globale. La Business School offre programmi di Master, MBA e formazione di Executive. La qualità dei Master è riconosciuta nelle classifiche internazionali di Eduniversal 2021 e accreditata a livello nazionale da ASFOR. Rome Business School ha ottenuto anche l’EOCCS (EFMD Online Course Certification System), certificazione che attesta la qualità della formazione digitale offerta rilasciata da EFMD, l’Istituto di accreditamento più autorevole in Europa.

Rome Business School accoglie ogni anno circa duemila studenti, professionisti, imprenditori ed aziende di oltre 100 nazionalità che sono guidati verso l’acquisizione di una preparazione d’eccellenza grazie a modelli aperti, flessibili e funzionali adatti a qualsiasi livello professionale. Nel suo impegno per la crescita degli studenti Rome Business School ha gestito, nel corso del 2020, 2.972 offerte di lavoro grazie alle sue oltre 300 aziende partner. Lo sviluppo del “Career Services” durante l'anno ha permesso alla RBS di ottenere un tasso di collocamento professionale del 96% per i suoi studenti ed una crescita salariale media del 34% dopo 6 mesi dal completamento degli studi.

Rome Business School è membro di Planeta Formación y Universidades, un network internazionale creato nel 2003 da De Agostini e dal gruppo Planeta, il quale incarna il forte impegno delle due compagnie nella formazione universitaria e manageriale. Planeta Formación y Universidades, la divisione didattica del Grupo Planeta, rappresenta l'impegno del gruppo nella formazione universitaria e professionale. Può contare su una rete internazionale di 22 istituzioni educative in Spagna, Francia, Francia, Italia, Colombia, Nord Africa e Stati Uniti. Ogni anno, più di 100.000 studenti di 114 nazionalità diverse vengono formati nelle sue scuole di business, università, scuole specialistiche e centri di formazione professionale attraverso più di 500 programmi. Professionisti a tutti i livelli di istruzione superiore sono formati presso le sue istituzioni in corsi in presenza, a distanza o misti, in stretta collaborazione con le imprese.

 

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa