L’atmosfera corale del quarto movimento letnow!

Paola Turroni, Francesca Genti e Sandro Sardella si leggono e si legano tra scritture, letture e performance multimediali. Fuori programma di Chiara Zocchi e Luca Traini.
Varese, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura) Letture, scritture e performance nei puri battiti degli autori, in un’ottica di puro scambio, ai tempi della multimedialità: anche l’ultimo movimento di letnow! ha confermato l’intento culturale che Valeria Brignani, Ombretta Diaferia e Alessandro Gianni di erano prefissi ideando la rassegna abrigliasciolta nel 2007.

Le “parole” risuonate ieri sera al Chiostro di Voltorre per voce di Paola Turroni, Sandro Sardella e Francesca Genti hanno oltrepassato il valico letterario conquistando i lettori con i loro ultimi battiti di lettura, giungendo alla performazione corale.

Inedita, ed eccelsa, la sperimentazione di Paola Turroni e David Rossato per i caminantes nei quattro angoli de “Il mondo è vedovo”.

Sarcastico e maturo lo scandire del poeta operaio Sandro Sardella tra i suoi “Fiori di carta” e “Carte ciclostinate”.

Surreale e vitalmente visivo il reading del primo romanzo “La Febbre” per opera di Francesca Genti.

E dopo le performance, dal sapore immaginifico di un tuffo nella parola, i tre autori hanno raccontato in maniera conviviale ed informale i loro percorsi: accomunati da “opere” attuali e da una conoscenza della contemporaneità, i tre volumi poggiano su un’azione indubbiamente multimediale, nell’uso degli strumenti mediatici di diffusione, ma, soprattutto, nella creazione.

Sul palco a condurre le interviste, il giornalista di La6.tv, Alessio Magnani, che ha tratteggiato con eleganza e snellezza i trentacinque anni di “lavoro” di Sandro Sardella. Il direttore artistico abrigliasciolta, Ombretta Diaferia, invece, ha scandagliato e scandito con Paola Turroni e Francesca Genti le tappe dei loro “viaggi” in prosa e poesia.

L’inatteso reading corale che i tre autori hanno riservato al pubblico del Chiostro ha composto estemporaneamente un nuovo “testo” inedito, intessuto finemente tra le loro opere letterarie: leggersi vicendevolmente, conoscersi e scambiarsi nella parola, scoprire una nuova prospettiva di composizione corale è stata la vera nota originale che ha suggellato l’ultimo appuntamento della rassegna letterario-artistica estiva.

Ma le soprese hanno riservato anche due fuori programma, inseriti negli ultimi due giorni, benché non previsti dal calendario letnow!: l’ultimo movimento, protrattosi fino a tarda ora, ha contato, infatti, anche sul tributo di Chiara Zocchi e Luca Traini, recentemente rientrati nella loro città natale.

La cantautrice ha voluto anticipare nel movimento finale di letnow! 2011 tre brani del disco che registrerà ad agosto. E dopo la suggestiva esecuzione al centro del Chiostro, ha esplorato le sue scelte di parola ed azione sotto le sollecitazioni del direttore di varesereport, Andrea Giacometti.

Luca Traini, storico readeresident della parola abrigliasciolta, ha composto estemporaneamente per letnow! una riflessione sui movimenti attuali della cultura: benché il suo percorso fulminante in cinque minuti di TRAINART sia giunto nel nuovo giorno, il pubblico l’ha accolto e ricompensato proprio per quest’improvvisazione fuori programma.

Sperimentazione continua ad essere la parola d’ordine di abrigliasciolta, dove le “briglie” possono essere “sciolte” solo se le si padroneggia ed i battiti di lettura scandiscono movimenti originali, ancor più contemporanei nel programma dell’autunno 2011.
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Contatto
ombretta diaferia
abrigliasciolta
via daverio 18
21100 varese (Varese) Italia
segnali@abrigliasciolta.it
+39.0332.320167
Ufficio Stampa
ombretta diaferia
 abrigliasciolta (Leggi tutti i comunicati)
via daverio 18
21100 varese (Varese) Italia
segnali@abrigliasciolta.it
+39.0332.320167