DINO GIARRUSSO (M5S): HO DONATO 1000 EURO, SALVIAMO L’INFORMAZIONE ANTIMAFIOSA DI TELEJATO

"Con la nuova procedura di assegnazione dei diritti per le frequenze del digitale terrestre, tante piccole emittenti televisive locali, che da sempre garantiscono un'informazione libera e fortemente legata al territorio, saranno costrette a chiudere i battenti.
Catania, (informazione.it - comunicati stampa - editoria e media)

"Con la nuova procedura di assegnazione dei diritti per le frequenze del digitale terrestre, tante piccole emittenti televisive locali, che da sempre garantiscono un'informazione libera e fortemente legata al territorio, saranno costrette a chiudere i battenti.

Tra queste la storica emittente siciliana Telejato,  che grazie all'impegno di Pino Maniaci ha rappresentato per decenni un presidio di legalità e lotta alla mafia. Questo va impedito a tutti i costi", così in una nota l'Europarlamentare del Movimento 5 Stelle Dino Giarrusso.

"Mancano 40mila euro per far ripartire Telejato, io ho fatto un bonifico da 1000 euro e invito tutti i miei colleghi a fare lo stesso, e tutti i cittadini a donare anche solo 1 euro per aiutare Maniaci. Naturalmente sono rammaricato anche per tutte le altre emittenti locali ed auspico che i miei colleghi al Parlamento nazionale trovino una soluzione per evitare anche una sola chiusura”, prosegue Giarrusso, che spiega:

“Quando ho letto che si spegneva Telejato ho scelto di spendermi in prima persona e da subito: ho chiamato Pino Maniaci, ho fatto il bonifico e pubblicato sui social un appello che spero venga ripreso da tutti. La lotta alla mafia deve continuare ad esistere e resistere in una terra difficile, che non può di certo permettersi di abbassare la guardia su determinate tematichee di perdere una voce libera e utile all’intero paese. Invito ogni cittadino coscienzioso a dare il proprio contributo utilizzando GoFundMe, PayPal o l’IBAN che trovate sulla pagina Facebook mia e di Maniaci”, conclude l'Europarlamentare siciliano.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr