Brusciano-USA Gli auguri per la “Giglio Dance 2022” (Scritto da Antonio Castaldo)

In occasione della “Giglio Dance 2022” il sociologo e giornalista Antonio Castaldo esprime «Congratulazioni al “Number 1 Capoparanza” Luoie Z. e gli auguri di Buona Festa a tutti promotori, realizzatori e partecipanti alla “Ballata del Giglio di Sant’Antonio di Padova” a New York con il caloroso saluto delle Associazioni dei Gigli di Brusciano e l’abbraccio fraterno di tutta la Comunità di Brusciano»
Brusciano NA, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura)

Brusciano-USA Gli auguri per la “Giglio Dance 2022” (Scritto da Antonio Castaldo)

 

A New York, dopo la Processione di Sant’Antonio di Padova e la Ballata del “Children’s Giglio” di sabato 6 agosto 2022 verrà effettuata, nella giornata di domenica 7 agosto, la tradizionale “Giglio Dance” importata dagli emigranti bruscianesi, oltre 100 anni fa nella Little Italy del quartiere di East Harlem come rappresentato dal sito web della GSEHNY https://www.eastharlemgiglio.org/.

Così gli appartenenti alla “Giglio Society of East Harlem of Our Lady of Mount Carmel Shrine Church” sulla Pleasant Avenue, fra 114th e 116th Street di New York, seguiranno le orme del fondatore Rocco Vivolo e degli altri pionieri, Gioacchino Vivolo, Angelo Granata e Tony Cappola. Per l’anno 2022 il ruolo di “Number 1 Capoparanza” è stato assegnato a Louie Z., mentre per il 2019 era stato svolto da Mitch Farbman e l’anno scorso il leader della “Giglio Dance” è stato Phil Bruno, discendente della famiglia Vivolo emigrata ad inizio ‘900 da Brusciano a New York.

Il sociologo Antonio Castaldo che cura da anni i rapporti fra le comunità giglistiche di Brusciano e East Harlem New York e che nel 2003 ha prodotto il documentario “La Ballata dei Gigli a New York” sulle distinte realtà, quella bruscianese di East Harlem e quella nolana di Williamsburg, come pubblicato sul web all’indirizzi https://www.youtube.com/watch?v=hhTWIbflw5c, riporta la memoria ricavata direttamente da Phil Bruno «Gioacchino Vivolo, nonno di Phil Bruno, storico promotore, "First #1 Capo Paranza" della "Giglio Dance" di New York nella “Italian Harlem” partì da Brusciano all'età di 26 anni. Raggiunse New York nel mese di dicembre del 1907 dove poco tempo dopo fu raggiunto dalla moglie Concetta e dalla figlia Anna, stabilendosi a East Harlem. In questo quartiere, sulla 106 Street, Gioacchino e suo fratello Rocco Vivolo, membri della "Società Bruscianese" diedero vita alla tradizione del "Danza del Giglio" nella loro devozione a Sant'Antonio di Padova. Nel 2016 c’è stata l’ultima visita di una delegazione della GSEH da New York alla Festa dei Gigli di Brusciano, col desiderio di ritornare l’anno prosimo una volta superata definitivamente la pandemia da Covid-19».

In occasione della “Giglio Dance 2022” Antonio Castaldo esprime «Congratulazioni al “Number 1 Capoparanza” Luoie Z. e gli auguri di Buona Festa a tutti promotori, realizzatori e partecipanti alla “Ballata del Giglio di Sant’Antonio di Padova” a New York con il caloroso saluto delle Associazioni dei Gigli di Brusciano e l’abbraccio fraterno di tutta la Comunità di Brusciano»

Anche quest’anno il Giglio di East Harlem è stato rivestito con elementi scenografici prodotti a Brusciano su progetto intitolato “Union in Faith - Unione nella Fede” ideato da Fiore D’Amore, musicista e presidente del Giglio Passo Veloce 1978. Il manufatto è stato realizzato, prima della diffusione pandemica del coronavirus, presso la “Bottega Sessa” dal giovane Carmine Sessa, figlio di Pinuccio Sessa, noto capoparanza dell'Associazione del Giglio Ortolano. Il giovane Carmine è continuatore dell’arte degli indimenticabili e amati dal popolo di Brusciano: nonno Zì Carminiello “Zazà” e zio Pierino Sessa. Precedentemente, negli anni dal 2013 al 2018, la veste per lo stesso Giglio era stata progettata e realizzata sempre a Brusciano su progetto intitolato “Friendship and Brotherhood-Amicizia e Fratellanza”, dell’architetto Luigi Romano e del grafico Carmine Belfiore, dell’Associazione Giglio Gioventù 1985, su fraterna disponibilità di Angelo Mocerino “O’ Piscatore” il insieme al socio fondatore Antonio Di Palma curò la spedizione di quel manufatto in USA con la collaborazione di Antonio Castaldo, portavoce in Italia della Giglio Society di East Harlem New York.

 

IESUS Istituto Europeo di Scienze Umane e Sociali-Brusciano NA

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr