BUONI PASTO, LA UILPA POLIZIA PENITENZIARIA CHIEDE CHIAREZZA. IL SEGRETARIO NAZIONALE ARMANDO ALGOZZINO: “LA NOTA DEL DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE GENERA CONFUSIONE”

In una lettera trasmessa a Vincenzo Starita, direttore generale del Personale e delle Risorse del D.G.M.C., il segretario Armando Algozzino chiede di fare luce sulle effettive condizioni che danno diritto al buono pasto, a seguito della diffusione di una nota del 6 giugno scorso a cura della Sezione Affari Generali del Dipartimento.
Palermo , (informazione.it - comunicati stampa - economia) Sulla vicenda dei criteri di attribuzione dei buoni pasto a beneficio del personale della Polizia Penitenziaria si registra l’intervento di Armando Algozzino, segretario nazionale della Uil Pubblica Amministrazione Penitenziari con delega al D.G.M.C., il Dipartimento della Giustizia Minorile e di Comunità.
In una lettera trasmessa a Vincenzo Starita, direttore generale del Personale e delle Risorse del D.G.M.C., il segretario chiede di fare luce sulle effettive condizioni che danno diritto al buono pasto, a seguito della diffusione di una nota del 6 giugno scorso a cura della Sezione Affari Generali del Dipartimento.
“Al di là dei contenuti – sottolinea Algozzino – la nota avrebbe dovuto essere trasmessa anche alle organizzazioni sindacali, poiché riguarda una materia che attiene all’interesse del personale”.
“Si tratta – chiarisce l’esponente sindacale – di disposizioni che possono creare difficoltà interpretative, penalizzando il personale della Polizia Penitenziaria : se da un lato, infatti, il regolamento citato può essere accomunato a quest’ultima, dall’altro occorre sottolineare che il diritto alla mensa obbligatoria di servizio è disciplinato, per la Polizia Penitenziaria stessa, dalla legge 203/89”.
“Si rischia – spiega ancora – di generare confusione nell’attribuzione del benefit, soprattutto nel caso in cui il buono pasto debba essere riconosciuto in alternativa alla mensa o in Istituti e servizi presso i quali essa non è disponibile: per tali ragioni, le indicazioni contenute nella nota sembrano differire rispetto a quelle in vigore”.
Il segretario Algozzino chiede pertanto di rivalutare le disposizioni impartite e fare chiarezza sulle condizioni effettive che danno diritto al buono pasto per i poliziotti penitenziari.

Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Contatto
Armando Algozzino
Uil
via Emilio Lepido 46
00175 (Roma) Italia
armando.algozzino@polpenuil.it
348.8978553
Ufficio Stampa
Marianna La Barbera
 Uil Pubblica Amministrazione Polizia Penitenziaria (Leggi tutti i comunicati)
via Emilio Lepido 46
00175 Roma Italia
marianna_labarbera@virgilio.it
3669338738