Fondo FASV Assolombarda: approvato il progetto di fusione per incorporazione in Mutua Basis Assistance

L’assemblea dei Soci del FASV - Fondo di Assistenza Sanitaria Integrativa di Assolombarda - ha approvato il progetto di fusione per incorporazione nella Società Generale di Mutuo Soccorso, Mutua Basis Assistance.
Formello, (informazione.it - comunicati stampa - salute e benessere) Il FASV – costituito nel 1947 nell’allora “Cassa Mutua Malattia dell’Associazione Industriale Lombarda” – nasce dalla volontà di Assolombarda e dei suoi dipendenti di integrare le prestazioni previste dal Servizio Sanitario Nazionale in favore dei suoi beneficiari. Il progetto - dopo un’attenta analisi effettuata da un team trasversale composto da alcuni manager di Assolombarda, dal Presidente e dai membri del Consiglio Direttivo del Fondo stesso, accompagnati dall’esperienza pluriennale e comprovata degli esponenti di MBA– viene presentato per la prima volta agli associati e ai dipendenti di Assolombarda il 15 aprile 2015.
La fusione, che si perfezionerà il 1° gennaio 2016, nasce con la finalità di migliorare l’accesso alle prestazioni e le condizioni attualmente previste in favore del personale non dirigente di Assolombarda e dei loro famigliari, sposando pienamente i principi ed i valori alla base di ogni attività promossa per decenni dalla stessa Assolombarda (oggi l’Associazione delle imprese industriali e del terziario dell’area milanese, più rappresentativa sul territorio, con oltre 5000 imprese associate per un totale di circa 281.000 dipendenti di riferimento), nella convinzione che la crescita economica delle imprese debba necessariamente passare attraverso politiche di valorizzazione del “capitale umano”.
In un periodo come quello attuale, in cui si rafforza in modo esponenziale l’interesse da parte delle imprese verso gli “Employee Benefits”, per la valorizzazione delle proprie risorse umane e dei benefici a questi riconosciuti, il Fondo di Assistenza dei dipendenti di Assolombarda ha scelto come suo partner Mutua Basis Assistance, la più grande Società Generale di Mutuo Soccorso per numero di Associati, con gli oltre suoi 350.000 aderenti, ed una presenza sul territorio nazionale (pari al 95%) equiparabile solo ad alcune delle più significative realtà presenti in Stati come la Francia, dove l’importanza dello sviluppo dell’economica sociale e solidale può considerarsi ormai consolidata. Oggi MBA vanta, fra i suoi Aderenti, importantissime realtà aziendali che hanno affidato alla Mutua la gestione e l’erogazione delle coperture sanitarie in favore dei propri dipendenti.
Il Progetto di Fusione del Fondo FASV in MBA, nasce innanzitutto dalla convinzione, di tutti gli esponenti coinvolti nel progetto, delle possibili difficoltà per i piccoli fondi presenti sul territorio di autosostenersi nel tempo - anche in mancanza di adeguate “economie di scala”- e di poter rispondere in modo efficiente alle esigenze in continua evoluzione dei propri associati, in ragione del contesto sociale di riferimento, caratterizzato ormai da un Sistema Sanitario Pubblico sempre meno adeguato a rispondere alla domanda di accesso alle prestazioni da parte dei cittadini.
Le medesime considerazioni di opportunità hanno spinto, negli anni scorsi, altre realtà mutualistiche presenti sul territorio ad affidarsi a MBA, la quale è stata protagonista di tre precedenti fusioni per incorporazione. Così infatti, nel 2011, MBA acquisisce per incorporazione Mutua EVO’; l’anno seguente si perfezionano ulteriori due fusioni per incorporazione in MBA, da parte delle Mutue “Mutua 1886” e “Mutua Sarda”.
Mutua Basis Assistance ed i suoi Associati, hanno inteso quindi accogliere con entusiasmo e partecipazione le esigenze del FASV, deliberando l’approvazione del progetto nell’Assemblea Straordinaria tenutasi il 25 novembre 2015, alla presenza dell’Amministratore Delegato di Mutua Basis Assistance, Sig. Andrea Mazzola
La fusione si perfezionerà nella costituzione di un Fondo Interno ad MBA - denominato “Fondo ASA, Assistenza Sanitaria Assolombarda” - dedicato ad Assolombarda (ora “Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza”), alla società collegata Assolombarda Servizi, al personale dipendente ed alle loro famiglie.
Ma i vantaggi delle cd “economie di scala” tipiche di una primaria organizzazione, non si traducono necessariamente in una spersonalizzazione dei servizi e delle esigenze dei singoli.
“Il Fondo Interno - spiega il Presidente di MBA, Massimiliano Alfieri - è la piena espressione della volontà comune di MBA e di FASV, di conservare l’identità degli Associati ex FASV e di preservarne le peculiarità. Il Progetto di Fusione, pertanto, non ha semplicemente accolto le esigenze di maggiore stabilità manifestate dal Fondo di Assolombarda, ma ha inteso recepirne l’unicità e le caratteristiche, pienamente in linea con gli scopi sociali ed i principi su cui MBA fonda le proprie attività associative”.
Oltre a prevedere una serie di “plus” (es. prestazioni di prevenzione, servizio di assistenza H24, accesso ai servizi di Conservazione Cellule Staminali, aumento dei massimali e delle condizioni di accesso alle prestazioni, etc.) MBA ha messo a disposizione degli Associati provenienti dal FASV una serie di servizi dedicati, che rappresentano il vero valore aggiunto dell’Organizzazione: team dedicato della Centrale Salute composto da professionisti esperti e qualificati per fornire ogni necessario supporto; accesso all’Area Riservata MBA ed alle funzionalità web dedicate; messa a disposizione del Network di Strutture Sanitarie e di Professionisti per l’accesso alle prestazioni, modulato ed implementato sulla base delle esigenze manifestate dal FASV stesso (mediante il perfezionamento di “convenzionamenti ad hoc”).
Il Fondo ASA, inoltre, sposando i principi mutualistici che caratterizzano MBA, oltre a garantire migliori condizioni di accesso alle prestazioni, consentirà agli Associati di “vivere” in modo consapevole e partecipativo il Fondo stesso; ciò grazie anche alla possibilità di accedere annualmente ad ulteriori prestazioni aggiuntive (rispetto a quelle previste dal Piano Sanitario) che potranno essere proposte dagli Associati stessi, mediante l’utilizzo di parte del fondo economico accantonato annualmente. Un meccanismo “premiante” questo, che non solo consentirà di sensibilizzare gli Associati verso un utilizzo più coscienzioso dei servizi disponibili (ad es. preferendo l’accesso a strutture sanitarie convenzionate con MBA) ma che rafforzerà i principi mutualistici e di condivisione delle esigenze associative, a beneficio di tutti gli associati.
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Allegati
Non disponibili