Migranti e risarcimento del danno. Non va ridotta la liquidazione solo perché i parenti dell'extracomunitario vittima dell'incidente stradale vivono all'estero

La Cassazione chiarisce l'orientamento bacchettando le corti e le compagnie assicurative che discriminano.
lecce, (informazione.it - comunicati stampa - società) Un chiarimento importante in merito al diritto al risarcimento del danno ai prossimi congiunti di vittime di sinistri stradali in Italia, ma che risiedono all'estero, arriva dalla Suprema Corte con la sentenza 20206/16, pubblicata il 7 ottobre, che non usa mezzi termini nel ritenere «Giuridicamente illogiche», se non «discriminatorie» le liquidazioni dei danni applicate in misura ridotta da compagnie assicurative e da alcune corti territoriali in ragione dell'assurdo criterio della non residenza in Italia e sol perché in un paese in via di Sviluppo l'euro varrebbe più che nel Nostro Paese. E' vero che una parte della risalente giurisprudenza di Cassazione aveva espresso il principio secondo cui nel determinare in via equitativa il ristoro della lesione morale «non è errato» tenere conto delle realtà socio-economiche in cui vive il danneggiato. Ma tale orientamento è stato ampiamente superato dal principio, senz'altro giusto, che l’utilizzo del risarcimento, e dunque il luogo dove saranno spesi i soldi, costituisce un elemento esterno rispetto all’illecito aquiliano: il danno da perdita parentale deve essere, quindi, sempre liquidato sulla base dei criteri italiani e quindi delle tabelle milanesi generalmente applicate. I giudici della terza sezione civile della Suprema corte hanno, infatti, accolto il ricorso dei parenti delle vittime, morti come terzi trasportati nel sinistro. Per gli ermellini ha errato la Corte d’appello di Bari che faceva riferimento ad una precedente sentenza di legittimità vecchia di sedici anni (sentenza 1367/00), cui era poi seguito il nuovo e più recente opposto orientamento (7932/12). Appare illogico, tra l'altro il principio che giustificherebbe la decurtazione sul rilievo che il pretium doloris «assume sempre connotazioni economiche». Ricorda piazza Cavour che nella responsabilità extracontrattuale gli elementi fondamentali sono tre: condotta illecita (dolosa o colposa); danno; nesso causale fra essi. E solo queste circostanze possono incidere sulla determinazione del risarcimento, mentre il luogo dove il danneggiato vive - e presumibilmente spenderà i soldi ottenuti - costituisce un elemento successivo che quindi non può incidere sulla quantificazione del ristoro. La lesione da perdita parentale, d’altronde, è un danno non patrimoniale rispetto al quale il risarcimento costituisce sempre una fictio che mai può restituire il bene perduto ma rappresenta soltanto l’unica modalità giuridicamente possibile per attestare il valore della persona scomparsa. Sono gli stessi principi costituzionali a escludere che alla persona in sé si possa imporre «come parametro per il risarcimento per equivalente della sua perdita il valore della moneta con cui viene concretizzato nel luogo dove risiede chi tale perdita ha subito». Si applicando, quindi, le tabelle di Milano, oltre all'eventuale personalizzazione del danno. Per Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione che tra le sue molteplici attività, da anni difende le vittime ed i prossimi congiunti di sinistri stradali, si tratta di un'importante decisione che segna un'importante conferma in materia e che chiarisce definitivamente l'impossibilità di discriminare il cittadino immigrato vittima di sinistro ed i suoi parenti quando si tratta di liquidare i danni dagli stessi subiti.
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
giovanni d'agata
 provincia di lecce (Leggi tutti i comunicati)
via belluno
73100 lecce Italia
dagatagiovanni@virgilio.it
3889411240
Allegati
Non disponibili
La maggior parte degli incidenti di automobilisti tedesche che si verifica all'estero accadono in Italia  -  Le direzioni centrali delle compagnie di assicurazione auto in Germania hanno ricevuto un totale di 29.683 segnalazioni l'anno scorso, in cui sono stati denunciati incidenti che hanno coinvolto automobilisti tedeschi con altri veicoli all'estero.…
Cassazione e barriere architettoniche: “I bancomat devono essere accessibili al disabile” altrimenti lo discrimina Cassazione e barriere architettoniche: “I bancomat devono essere accessibili al disabile” altrimenti lo discrimina  -  L’agenzia dell’istituto di credito deve adeguare lo sportello in modo che possa beneficiare del servizio anche chi è costretto sulla sedia a rotelle. È quanto emerge dalla sentenza 18762/16, pubblicata il 23 settembre dalla terza…
Cassazione: Ospedale costretto al risarcimento dei danni se non avvia le attività più urgenti per cercare di salvare il paziente in condizioni disperate.  -  Stop " ai ritardi " nei Pronto Soccorso anche se il paziente arriva in Ospedale in condizioni disperate: la struttura ospedaliera, pur se rispetta le istruzioni previste dalla normativa…
Greta Quit Ironing: l'album che strizza l'occhio all'internazionalità, partendo dal cuore dell'Europa  -  Il tutto viene distribuito da One More Lab, etichetta indipendente di Roma con sede a Londra. Nasce così la collaborazione tra la label e GIRL IN A SUITCASE (www.girlinasuitcase.net) già Independent Film Production di Barcellona, fondata da…
Loading....