Una rete di oltre 380 imprese sollecita le associazioni del Turismo ad adoperarsi per la riapertura "Bando Ristori Adv/TTOO del Mibact"

Nasce il coordinamento ADV e TO “INSIEME PER LA RIAPERTURA DEL BANDO MIBACT, A.P. 15/09/2020”: oltre 380 imprese turistiche escluse dai precedenti ristori.
Roma, (informazione.it - comunicati stampa - turismo)

Il coordinamento in una nota inviata alle associazioni di categoria fra cui Fiavet, Astoi, Assoviaggi, Aidit e Fto, sottolinea che nonostante il  ‘turismo in (teorica) ripartenza‘,  il “mancato accesso” al fondo di cui all’art. 182, c.1, del DL 34/2020, (Avviso Pubblico 15/09/2020) rischia di essere una beffa per oltre 380 imprese del settore, che senza quei fondi rischiano la chiusura certa a breve. Oltre 500 mil di € di fatturato, più di 1200 addetti diretti e 3200 indiretti; e migliaia di famiglie sull'orlo del tracollo . Un dramma non solo economico, ma anche e soprattutto sociale, in particolar modo per le piccole realtà territoriali.

La “ratio” della norma, e l’indicazione del legislatore, erano nella direzione di un diffuso e non esclusivo sostegno pubblico in favore delle imprese di settore, a seguito dell’emergenza COVID. Queste imprese, per carenze sostanziali, errori formali, disguidi della piattaforma, ed altre problematiche di fatto, pur avendo i titoli per accedere, sono state escluse. “Le modalità di accesso ai fondi – segnala la nota – non erano “selettive”, o per “titoli”; non era una licitazione o una gara: era un ristoro generalizzato in favore di tutte le imprese gravemente danneggiate dall’emergenza Covid: viceversa, imprese "non in regola" con le previsioni dell'Avviso Pubblico, hanno ugualmente presentato istanza, e con una imprevedibile “sanatoria”, sono state riammesse (e ristorate) dal Mibact.

"Riteniamo che reintegrare e ristorare anche imprese non conformi ma in difficoltà, sia stata un’azione di buonsenso del Mibact, date le circostanze. Sarebbe altrettanto di buon senso e necessario, corretto e doveroso, che la stessa opportunità venga ora concessa alle imprese che non hanno avuto accesso al primo Avviso: adesso, e senz’altro prima dell’avvio della nuova (discutibile) tornata di ristori per la categoria”.  Il coordinamento sollecita le associazioni a prendersi carico di questa problematica complessa, ma di immediata risoluzione, intervenendo “ad horas” presso il Ministero competente affinchè provveda a riaprire l’avviso pubblico del 15/09/2020, per un arco temporale sufficiente a consentire a tutte le adv e i TO che per qualsiasi ragione non hanno avuto accesso ai fondi di cui all’art. 182, c.1, del DL 34/2020, di presentare istanza per il periodo febbraio-luglio 2020. Il coordinamento sta organizzando un altro dibattito pubblico, a cui saranno invitate i rappresentanti di categoria con la speranza di una presenza massiccia e propositiva.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
max falbo
 Coordinamento Imprese Turismo (Leggi tutti i comunicati)
c/o VoglioVolare Viaggi
87100 cosenza
[email protected]
3666679139