Ravenna, Museo Nazionale IL MESTIERE DELLE ARTI "Seduzione e bellezza nella contemporaneità".

Da Mitoraj a Vangi, da Theimer a Staccioli. 16 febbraio-26 maggio 2019. Ancora pochi giorni e, al Museo Nazionale di Ravenna, calerà il sipario su Il mestiere delle arti. Seduzione e bellezza nella contemporaneità, l'affascinate mostra promossa e organizzata dal Polo Museale dell'Emilia Romagna con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna e la collaborazione di RavennAntica.
Bologna, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura) IL MESTIERE DELLE ARTI
"Seduzione e bellezza nella contemporaneità".

Da Mitoraj a Vangi, da Theimer a Staccioli.
Ravenna, Museo Nazionale
16 febbraio – 26 maggio 2019

Mostra a cura di Ornella Casazza e Emanuela Fiori, con Maria Anna Di Pede e Laura Felici.

Gran finale per Il mestiere delle arti.
Già ammirato da 14 mila visitatori.


Ancora pochi giorni e, al Museo Nazionale di Ravenna, calerà il sipario su "Il mestiere delle arti. Seduzione e bellezza nella contemporaneità", l’affascinate mostra promossa e organizzata dal Polo Museale dell’Emilia Romagna con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna e la collaborazione di RavennAntica.
Nessuna proroga è purtroppo possibile per questa fortunata esposizione curata da Ornella Casazza e Emanuela Fiori. Alcuni dei pezzi concessi per la mostra sono infatti destinati ad altre esposizioni e altri debbono inderogabilmente tornare ai loro musei di provenienza.
In questi mesi, poco meno di 14 mila persone hanno già ammirato "Il mestiere delle arti". Visitatori che si sono dichiarati molto soddisfatti dalla qualità della mostra.
A colpire i visitatori, come si deduce dai loro giudizi, è stata la raffinatezza degli oggetti esposti, creati nei più diversi materiali, dal vetro all’oreficeria, dalle ceramiche alle sculture di piccolo formato. E la possibilità offerta dalla mostra di poter ammirare creazioni artistiche dei grandi maestri del contemporaneo che hanno indagato le forme dell’artigianato. Il tutto muovendosi all’interno del Museo per confrontare le opere ospiti con le collezioni classensi di arti "minori", come gli avori e i bronzetti rinascimentali.
Emanuela Fiori, che del Museo Nazionale è la responsabile, non fa mistero della sua soddisfazione per il successo di questa esposizione che è in vetta alla classifica delle mostre più visitate nella storia recente del Museo.
Un successo che sarà accresciuto da questi ultimi giorni di visita. L’esposizione chiuderà i battenti il 26 maggio e per chi desidera tornare ad ammirarla o non l’ha ancor fatto, il Museo propone un fitto calendario di "occasioni speciali".


A cominciare dalle visite guidate gratuite a cura di "123Imparoastudiare" che sono in calendario per i venerdì 17 e 24 maggio alle ore 18, per sabato 18 e 25 maggio alle ore 17.30 e per domenica 19 maggio, alle ore 10.30, e infine per domenica 26 maggio, alle ore 10.30 e 17.30 (prenotazioni allo 051 847102 o via mail segreteria@123imparoastudiare.it).
Sarà estremamente suggestivo il connubio di arte e musica reso possibile dall’ISSM Verdi di Ravenna che propone, sabato 18 maggio ore 18.45, "Antiche e nuove musiche" per voci soliste, coro e strumenti - Ensemble 1685. La stessa compagine tornerà ad esibirsi domenica 19 maggio, con un doppio appuntamento: alle ore 11.45 e alle 12.15. E, una ultima volta, domenica 26 maggio alle 18.30, con "Nuove musiche per strumenti - Ensemble 20.21".
Non poteva mancare, sabato 18 maggio, l’appuntamento della "Notte dei Musei". Per esso, la mostra sarà eccezionalmente aperta dalla 20 alle 22.30 alla tariffa simbolica di 1 euro.
"10 giorni di opportunità imperdibili. Per non perdere l’occasione di ammirare una mostra che già in molti hanno apprezzato", chiosa la direttrice Fiori.

Informazioni: Museo Nazionale di Ravenna (Via San Vitale, 17).
Tel. 0544 543710 / 543720 pm-ero.musnaz-ra@beniculturali.it

Ufficio Stampa
Studio ESSECI, Sergio Campagnolo Tel. 049.663499
Referente Stefania Bertelli: gestione1@studioesseci.net
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Giancarlo Garoia
 RETERICERCA (Leggi tutti i comunicati)
47122 (Bologna) Italia
rete.ricerca@libero.it
3338333284
Allegati
Non disponibili