Partito il crowdfunding per il docufilm “Màt Sicuri - L'ultimo Diogene”, storia dell'unico clochard-filosofo titolare di un monumento

Il docufilm sul clochard-filosofo Enzo “Màt” Sicuri (1907-1988), a cui Parma ha dedicato un monumento con nome e cognome in centro storico, arriva nel trentennale della sua morte; autori tre giornalisti emiliani e protagonista l'attore cesenate Alvaro Evangelisti. Per il crowdfunding sono attive la piattaforma nazionale di cinema Produzioni dal Basso e il sito ufficiale www.matsicuri.it, dove si può vedere il trailer.
Parma, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura) Inizia la raccolta fondi per sostenere il docufilm “Màt Sicuri - L’ultimo Diogene”, girato a Parma nelle ultime settimane. Il crowdfunding viene lanciato sia sulla piattaforma di cinema Produzioni dal Basso (https://www.produzionidalbasso.com/project/mat-sicuri-l-ultimo-diogene/), sia sul sito ufficiale www.matsicuri.it, dove si può vedere il trailer.
Nel trentennale della morte, Enzo “Màt” Sicuri (1907-1988) rivive ora in questo progetto di docufilm che vuole essere una riflessione sulla società attuale e prende le mosse dall’audio inedito ed esclusivo dell’unica intervista concessa nella sua vita, al giornalista e scrittore Tiziano Marcheselli attraverso l’amica dei “nonnini” Giovanna Lanati.
Matto o filosofo? Sicuri, parmigiano doc, era un senzatetto per scelta, nella sua città. Tutti, o quasi, lo chiamavano “Màt”, fondamentalmente con affetto. Lui, però, era una persona piena di interessi: adorava i libri e la musica lirica. Non aveva una casa, ma passava le sue giornate nel salotto della città, tra il Teatro Regio e piazza Duomo. Fautore, per così dire, di una raccolta differenziata ante litteram (riciclava cartoni che usava a mo’ di coperte), viveva con e per la natura, aveva come guida la libertà e di fatto rifiutava tutte le imposizioni del consumismo.
Il suo motto era “Nella vita si può fare a meno di tutto, tranne che dell’aria per respirare” e a quel motto è rimasto fedele fino al suo ultimo giorno. Una coerenza che la sua città ha voluto premiare, tanto che a livello nazionale è l’unico clochard a cui sia stato dedicato un monumento, con nome e cognome, che si trova nel centro storico di Parma, in piazzale della Macina (a firma dello scultore Maurizio Zaccardi).
Autori del docufilm sono i giornalisti Francesco Dradi, Fabrizio Marcheselli e Antonio Cavaciuti; riprese di Renato Lisanti. A dare il volto a Sicuri è l’attore Alvaro Evangelisti, ma la voce è quella vera del “Màt” registrata negli anni Ottanta. Tra scene di fiction e documenti originali, come le foto del giornalista Giovanni Ferraguti, il progetto raccoglie testimonianze di parmigiani che hanno conosciuto e frequentato Sicuri: il celebre giornalista Giorgio Torelli, il barista Giacomo Sartori, la pasticciera Loredana Pagani, l’orologiaio Tino Casoli.
Un cameo a sorpresa è previsto nel ruolo di Dante Spaggiari, l’incisore anarchico che fu il mentore di Sicuri.
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
Fabrizio Marcheselli
coautore
43123 Parma Italia
fabrizio.marcheselli@alice.it