Ultimi appuntamenti per il Siege Jazz Festival a Montefiore Conca (RN). Giovedì 4 agosto: Giacomo Uncini 4Tet

Venerdì 5 agosto: Luca Aquino / Giovanni Guidi Duo. Sabato 6 agosto: Pasquale Stafano / Gianni Iorio
Bologna, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura)

Ultimi appuntamenti per il Siege Jazz Festival, l'innovativa rassegna per la direzione artistica di Arianna Piermarini e la direzione tecnica di Roberto Amalfitani, con la collaborazione e la partecipazione del Comune di Montefiore Conca e dell'associazione culturale Aktivamente, che durante l'estate porterà la grande musica jazz nella cornice dell'Arena della Rocca di Montefiore Conca fino al 6 agosto prossimo. (ore 21.45). Ultimi appuntamenti per il Siege Jazz Festival.


Giovedì 4 agosto
Giacomo Uncini 4Tet
Giacomo Uncini Tromba
Roberto Stefanelli Chitarra
Onorino Tiburzi Contrabbasso
Massimo Manzi Batteria.


Venerdì 5 agosto
Luca Aquino / Giovanni Guidi DuoLuca Aquino - Tromba
Giovanni Guidi - Piano
Dove andare a cercare quello che non abbiamo ancora scoperto? Dove prendere le idee che faranno la nostra musica nuova e diversa da come la pensavamo prima? Dove nutrire i nostri strumenti di quelle emozioni che li possono rendere voci, a volte familiari e altre volte estranee, ma che ci incuriosiscono? Nei luoghi più semplici. Nelle canzoni. Perché? Perché se non fossimo stati due cantanti mancati, non avremmo mai suonato i nostri strumenti. È così che vi porteremo nel nostro viaggio, dove le parole anche se esistono già, le potrete scegliere voi, ed ogni melodia sarà un pezzo di un racconto che riguarda tutti. La storia delle nostre vite.


Sabato 6 agosto
Pasquale Stafano / Gianni Iorio
Mediterranean Tales
 Pasquale Stafano - pianoforte
Gianni Iorio - bandoneon
 Musica nuova ed interessante, storie di persone, incontri, passione, pensieri e amore tradotti in composizioni originali che hanno come protagonista il viaggio nel tempo e nello spazio nell'oceano musicale, dal jazz alla world music, dal classico al pop e alla melodia mediterranea che è sempre sullo sfondo quasi come un marchio di fabbrica.Il successo di questo duo, che si esibisce in tutto il mondo e, in questi ultimi anni moltissimo in Asia, sta proprio nelle composizioni originali eseguite in ogni concerto in modo sempre inedito grazie al grande affiatamento che c'è tra i due musicisti, che riescono a far dialogare i due strumenti in modo ineguagliabile, dove l'arrangiamento, in puro stile “da camera", gioca un ruolo fondamentale per esaltare il contrappunto e le strutture dei brani, elementi riconoscibili nella tradizione classica europea.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa