Enel, la Global Trading guidata da Claudio Machetti è pronta per le sfide della decarbonizzazione

Claudio Machetti ha dichiarato che il nuovo nome della Line rappresenta l’attenzione del Gruppo rivolta alle rinnovabili
-, (informazione.it - comunicati stampa - economia)

Per Claudio Machetti la linea di Business è riuscita ad adattarsi ai cambiamenti del settore energetico: la nuova denominazione rappresenta il risultato di questo processo.

Enel, la Global Trading guidata da Claudio Machetti è pronta per le sfide della decarbonizzazione

Claudio Machetti: nuovo nome e nuova mission della Business Line

Entrato negli anni 2000 come responsabile dell'Area Finanza, dal 2014 Claudio Machetti è il Direttore della Global Trading di Enel. La Business Line, tramite l'acquisto di materie prime e la vendita all'ingrosso dell'energia prodotta, si occupa di gestire il portafoglio integrato per ridurre l'esposizione del Gruppo. Negli anni la Unit è cambiata. O meglio, si è evoluta. E lo ha fatto allineandosi al modello di business di Enel, sempre più focalizzato su energie rinnovabili, decarbonizzazione e sostenibilità. Una trasformazione evidente nel nuovo nome recentemente scelto per la divisione: Global Energy and Commodity Management. Per il manager si tratta di una naturale conseguenza del percorso intrapreso "per rispecchiare l'evoluzione della mission del Gruppo". Il modo di lavorare di Enel è mutato, ha dichiarato Claudio Machetti. Il trend della sostenibilità ha gradualmente cambiato le carte in tavola. Un dato su tutti: negli ultimi 7 anni, l'acquisto di carbone da parte di Enel ha registrato una diminuzione del 90%.

Claudio Machetti: attività di hedging e potenziale dei derivati climatici

Oggi le attività principali della nuova Business Line si concentrano sul mercato dell'energia elettrica all'ingrosso, ha spiegato Claudio Machetti. Vendita, ottimizzazione e hedging della produzione stanno man mano guadagnando terreno rispetto ai combustibili fossili. In particolare, le operazioni di copertura hanno raggiunto il 150% dei volumi gestiti. Un risultato possibile grazie anche alla crescita dei mercati dell'elettricità locali, nei quali il Gruppo opera attraverso le unità di Energy Management. L'hedging è un tema molto caro al Direttore della nuova Business line Global Energy and Commodity Management. Ne è un esempio l'impegno della Divisione nella diffusione dei weather derivatives sul mercato europeo. Questi nuovi strumenti, basandosi su variabili come temperature o precipitazioni, permettono infatti di coprire i rischi su produzione e consumo di energia derivanti dalle condizioni atmosferiche. Ma Claudio Machetti guarda oltre: considerato l'aumento previsto nell'utilizzo dei derivati climatici, per il manager è fondamentale che il Gruppo crei nuovi strumenti meteorologici avanzati e soprattutto adattabili ai bisogni principali dei clienti del futuro.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Allegati
Non disponibili