DEMANIO MARITTIMO.KM-278. Marzocca di Senigallia - Lungomare Italia 11 a cura di Cristiana Colli e Pippo Ciorra

IV edizione, 18 luglio 2014, 6 pm-6 am
Bologna, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura) La macro-regione Adriatica come community di persone, imprese, istituzioni, associazioni. Architettura, arte, design, stret food, impresa e innovazione per connettere un’identità e un’eccellenza locale al resto del mondo. Incontri, conversazioni, installazioni, performance, video, progetti speciali, dirette web e un programma che si amplia via app, in realtà aumentata. Tutto in un frammento di spiaggia, in 12 ore, dal tramonto all’alba.

Il 18 luglio, dalle 6 di sera alle 6 del mattino, a Marzocca di Senigallia, torna Demanio Marittimo.Km-278, la maratona notturna ideata e curata da Cristiana Colli e Pippo Ciorra, promossa dalla rivista MAPPE – Gagliardini Editore e dall'Associazione Demanio Marittimo.Km-278, in collaborazione con il MAXXI - Museo delle Arti del XXI secolo, la Regione Marche e il Comune di Senigallia, e con il supporto di un’ampia rete di imprese, istituzioni e associazioni culturali. Con la partecipazione di 80 nuovi protagonisti, Demanio Marittimo.Km-278 aggiunge ancora punti alla mappa che il progetto ha costruito in quattro anni, partendo da una posizione specifica del litorale marchigiano per allargare l’orizzonte all’altra sponda adriatica e creare collegamenti con la creatività globale.

L'appuntamento è stato presentato in conferenza stampa presso la Regione Marche alla presenza dell'Assessore ai Beni e Attività Culturali della Regione Marche Pietro Marcolini, del Sindaco di Senigallia Maurizio Mangialardi, di Cristiana Colli, curatore insieme a Pippo Ciorra e Vittorio Gagliardini, imprenditore, editore della rivista Mappe e promotore di Demanio Marittimo.Km-278. --
DEMANIO MARITTIMO.KM-278
IV edizione, 18 luglio 2014, 6 pm-6 am
Marzocca di Senigallia - Lungomare Italia 11
a cura di Cristiana Colli e Pippo Ciorra
La macro-regione Adriatica come community di persone, imprese, istituzioni, associazioni.
Architettura, arte, design, stret food, impresa e innovazione per connettere un’identità e un’eccellenza locale al resto del mondo.
Incontri, conversazioni, installazioni, performance, video, progetti speciali, dirette web e un programma che si amplia via app, in realtà aumentata.
Tutto in un frammento di spiaggia, in 12 ore, dal tramonto all’alba. Il 18 luglio, dalle 6 di sera alle 6 del mattino, a Marzocca di Senigallia, torna Demanio Marittimo.Km-278, la maratona notturna ideata e curata da Cristiana Colli e Pippo Ciorra, promossa dalla rivista MAPPE – Gagliardini Editore e dall'Associazione Demanio Marittimo.Km-278, in collaborazione con il MAXXI - Museo delle Arti del XXI secolo, la Regione Marche e il Comune di Senigallia, e con il supporto di un’ampia rete di imprese, istituzioni e associazioni culturali.
Con la partecipazione di 80 nuovi protagonisti, Demanio Marittimo.Km-278 aggiunge ancora punti alla mappa che il progetto ha costruito in quattro anni, partendo da una posizione specifica del litorale marchigiano per allargare l’orizzonte all’altra sponda adriatica e creare collegamenti con la creatività globale.

Per l’architettura sono presenti molti dei protagonisti della 14. Mostra internazionale di architettura di Venezia - emblema dell’eccellenza italiana e adriatica che si confronta con il mondo - e si raccontano due mostre che parlano della nostra architettura all’estero. Si tratta di “Piccole Utopie. Architettura italiana del terzo millennio tra storia, ricerca e innovazione”, prodotta dal MAXXI insieme al MAE e da qualche mese ‘in tournée’, e “Erasmus Effect”, sempre a cura del MAXXI, con cui ha preso il via la mappatura dei percorsi di migrazione planetaria dei nostri progettisti. L’incontro dedicato a Monditalia - la sezione della Biennale Architettura con cui il curatore Rem Koolhaas ha scelto di guardare all’Italia come a un paese “fondamentale” per restituirne un ritratto complessivo - è condotto da Manuel Orazi e dalla giornalista Paola Pierotti (PPAN) con la partecipazione del curatore della mostra alle Corderie Ippolito Pestellini, di Gabriele Mastrigli (Università di Camerino), degli architetti Cristiano Toraldo di Francia, Simone Capra, e di Ana Dana Beros, menzione speciale della giuria per questa sezione.
Emilia Giorgi, curatrice di una sezione del Padiglione Italia, conduce il confronto tra alcuni tra i più interessanti Padiglioni nazionali della Biennale, con Crimson Architectural Historians (Gran Bretagna), Bekim Ramku (Repubblica del Kosovo) Eva Franch (USA) e Xenia Witulewa (Russia).
Pippo Ciorra presenta alcuni protagonisti di Piccole Utopie: Maria Giuseppina Grasso Cannizzo - architetto siciliano che per l’occasione racconta della sua installazione LOOSE ENDS attualmente in corso a Innsbruck - e lo studio Modus di Bolzano.

Il fenomeno Erasmus si snoda invece tra passato e presente, partendo con il consueto Omaggio a un Maestro del Territorio, Pietro Belluschi, architetto anconetano emigrato a far fortuna negli Stati Uniti e proseguendo nell’incontro con Umberto Napolitano, membro dei LAN, studio italiano molto affermato a Parigi, presente alla Biennale nella mostra Elements of Architecture.

Presenti nel programma anche un video che racconta il lavoro degli Orizzontale per il progetto vincitore di YAP MAXXI 2014 – 8 ½ – e molti altre voci della cultura architettonica adriatica e internazionale. Tra questi, Margherita Guccione, direttrice del MAXXI Architettura che, insieme a Francesca Molteni e Davide Pizzigoni, intervista, in collegamento da San Paolo, Marcio Kogan, protagonista del Padiglione nazionale Brasile alla passata edizione della Biennale di Venezia, per raccogliere la sue visioni sul tema archetipico della casa, dell’abitare contemporaneo e della residenza. La serata partirà alle 18.45 con la Premiazione dei vincitori del Premio Inarch-Ance Marche alla presenza del Presidente Nazionale Adolfo Guzzini.

Sul fronte dell’arte contemporanea, Demanio Marittimo.Km-278 invita un grande protagonista, l’artista di origini albanesi Adrian Paci, in dialogo con il regista albanese Roland Sejko – che presenterà il suo secondo lungometraggio ANIJA - La nave, vincitore del David di Donatello come miglior documentario 2013 e finalista ai Nastri d’Argento. Lo sguardo sui giovani artisti è come ogni anno affidato ad Andrea Bruciati, che presenta la performance inedita “mutatosi in una pioggia d’oro: Painting as Performance”: sei giovani promesse della pittura internazionale, provenienti dall’intero bacino adriatico – Paola Angelini (San Benedetto del Tronto, 1983), Thomas Braida (Gorizia, 1982), Lorenzo Morri (Jesi, 1989), Barbara Prenka (Gjakova, 1990), Sulltane Tusha (Durazzo, 1988), Nežka Zamar (Šempeter pri Gorici, 1990) – mettono in atto una performance che indaga il passaggio fra lo stadio corporeo del pittore e la nascita di un’opera d’arte, coinvolgendo gli spettatori in una sfida “prometeica” dal tardo pomeriggio fino alle prime luci dell’alba. Sempre a cura di Bruciati, la collettiva video “Le lacrime degli eroi: arte in movimento per una nuova idea di scultura”, progetto curato insieme a Eva Comuzzi e ideato per ArtVerona 2013. Questo percorso coinvolgerà molti dei più interessanti artisti della scena contemporanea, quali Simone Berti, Paolo Chiasera, Gianluca e Massimiliano De Serio, Michael Fliri, Francesca Grilli, Orestis Mavroudis, Marzia Migliora, Ottonella Mocellin / Nicola Pellegrini, Nicola Ruben Montini, Marco Noris, Paolo Piscitelli, Luigi Presicce, Moira Ricci, Marco Strappato, Davide Mancini Zanchi.

Intrigante come sempre lo sguardo di un curatore cosmopolita e trasversale di Davide Quadrio, oggi anche “milanese” con il nuovo progetto al PAC, impegnato in narrazioni sulle “Terre di Mezzo - tra Cina e Mediterraneo” con Alessandra Galletta. In programma, per la maratona video di Demanio Marittimo.Km-278, la proiezione di tre documentari scritti e diretti da Galletta: “REACTIVATION “(Biennale di Shanghai 2012), “Adrian Paci. Vite in transito” (2012), racconto della grande personale con cui l’artista, tra i protagonisti di questa edizione di Demanio Marittimo.Km-278, ha fatto tappa a Parigi e Milano, “QIU ZHIJIE. L’unicorno e il dragone” (2012), cartografia delle collezioni della Fondazione Querini Stampalia di Venezia e del Museo Aurora di Shanghai.

Per il design le parole chiave sono DOWNLOAD DESIGN / OPEN DESIGN: si parla di queste frontiere con il designer Denis Santachiara, la storica del design Domitilla Dardi e l’autore del manifesto dell’Open Design Ronen Kadushin. Contribuisce a questa analisi anche l’esperienza di una start-up del territorio, quella di Design for Craft che si occupa di progettazione e produzione per l'artigianato evoluto. Ne parlerà uno dei soci fondatori, Carlo De Mattia, portando cosi la testimonianza del lavoro di giovani makers e professionisti nel campo dell'open design e della manifattura digitale. Ancora design con l’omaggio a Massimo Vignelli – proiezione in anteprima di Design is one. Lella e Massimo Vignelli – in collaborazione con Milano Design Film Festival, per ricordare una coppia centrale della storia italiana e internazionale della grafica, del design e dell’architettura. Introducono la proiezione Silvia Robertazzi, fondatrice e curatrice del festival, e Domitilla Dardi, storica del design.

La proiezione del film completa la maratona video di Demanio Marittimo.Km-278: un percorso che scorre attraverso due schermi paralleli, uno dei quali collocato nell’acqua, per una visione trasversale di diverse estetiche, tematiche e cifre stilistiche.

L’intreccio tra la cultura contemporanea e le storie del territorio è racchiuso ne “La meravigliosa storia del capodoglio spiaggiato di Marzocca”: il cetaceo, ritrovato proprio sulla spiaggia di Demanio Marittimo.Km-278 negli anni ’30, fu salvato e portato a Reggio Emilia per essere esibito come mostro marino. In seguito fu imbalsamato e collocato nel Museo Civico di Reggio Emilia, divenendo un'icona nell’immaginario della comunità, la cui centralità è confermata anche nel recente riallestimento del Museo curato da Italo Rota.

Ne parlano Elisabetta Farioli, Direttore dei Civici Musei di Reggio Emilia, l’architetto Italo Rota e lo scrittore Ermanno Cavazzoni, protagonista di un suggestivo contrappunto narrativo in forma di spettacolo ispirato dal suo libro “Guida agli animali fantastici", accompagnato dalle performance vocali e musicali di Vincenzo Vasi e Valeria Sturba. Rosalba Branà, direttrice della Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano a Mare e Nicolai Ciannamea, direttore editoriale, presentano, in una tavola rotonda moderata dal critico d'arte Christian Caliandro, arTVisiom – a live art channel, un progetto che pone come priorità strategica l’innovazione nella comunicazione culturale interattiva e interistituzionale tra tutti i Paesi adriatici ed europei. L’obiettivo è dare massima visibilità ad opere realizzate a livello locale e caratterizzate da un alto valore comunicativo a livello internazionale, per renderle accessibili ad un’ampia audience. Il progetto, co-finanziato dal Programma di cooperazione transfrontaliera IPA Adriatico 2007-2013 è il frutto di un partenariato guidato dalla Regione Puglia - Area Politiche per la Promozione del Territorio, dei Saperi e dei Talenti. Le prospettive adriatiche sono arricchite dal contributo di Daniele Cudini di Air Terminal Project di fermo, e di Paola Pierotti, giornalista di PPAN.

L’attività di committenza e promozione dei giovani talenti di Demanio Marittimo.Km-278 quest’anno ha affiancato al tradizionale concorso per l’allestimento della spiaggia, rivolto agli studenti di architettura, quello che ha coinvolto gli studenti delle scuole alberghiere per la creazione del piatto di street food che sarà venduto al pubblico della manifestazione. Mentre Andrea Tabocchini - Università Politecnica delle Marche – e Matilde Mellini - Accademia di Architettura di Mendrisio - realizzeranno il loro progetto che vede la spiaggia come un “SOCIAL NETWORK”, il giovane chef Davide Won offrirà al pubblico il suo piatto “IL LUSSO DELLA SCARPETTA” premiato da una giuria presieduta da Moreno Cedroni e Mauro Uliassi.

Sempre in tema di street food, non mancano altre novità golose, grazie alla presenza di Mauro Uliassi e di Pizzaiuolo on the road, un progetto di Giovanni Mandara nato nel 2011 che ha portato la pizza di qualità in viaggio per l'Italia e all'estero e che a Marzocca ne offre una versione speciale, la margherita fatta con acqua di mare. Demanio Marittimo.Km-278 sviluppa inoltre la sua componente social media, non solo rinnovando la web area curata da Luna Margherita Cardilli e Ljudmilla Socci: una sezione dedicata ai blogger della cultura e della creatività per raccontare in diretta la notte di Demanio Marittimo.Km-278 tramite i social network. Sono Nicoletta Battistoni, blogger, Valentina Bernabei, La Repubblica, Martina Liverani, giornalista, autrice e blogger che scrive di cibo, donne e viaggi, Piera Cristiani, autrice di CAMpiTURE, Saverio De Luca, giornalista, si occupa di enogastronomia e ambiente, Federica Tattoli, contributor per apt diary, i protagonisti in un racconto che coinvolge food, arte contemporanea, territorio e design. Insieme a loro il nuovo media partner Marche Tourism presente con il Social Media Team Marche, uno dei migliori esempi di utilizzo dei social network per il turismo in Italia. Tutto questo è possibile grazie a Netoip, un’idea del marchigiano Giacomo Di Napoli, che nel 2008 realizza la prima rete wireless per trasportare VPN e VoIP, e che porta la connessione wifi in spiaggia, e a MED Group che fornirà i device tecnologici.

La quarta edizione di Demanio Marittimo.Km-278 si amplia anche attraverso un progetto di realtà aumentata, in collaborazione con Nòva24 che dilaterà attraverso la app scaricabile su iTunes gratuitamente, NòvaAJ la struttura del programma, allargherà il panel dei partecipanti, renderà “adriatica” la manifestazione con contributi e collegamenti tra le due sponde, valorizzando la mappa della community di Demanio Marittimo.Km-278, composta da persone, luoghi e istituzioni.

Demanio Marittimo.Km-278 ha scelto di caratterizzarsi sempre più come progetto di disseminazione culturale nell’area vasta della Macro Regione Adriatico-Jonica con alcune scelte che identificano il suo format, nel quale il progetto di realtà aumentata segna un’ulteriore declinazione e allargamento della rete e della rappresentazione della macro-area: AR come mezzo e non come fine, strumento che mette in valore, creando significato e uno sviluppo parallelo. Alla quarta edizione il progetto conta su una sua community e, seppur in fase iniziale, è un hub di reti e di nodi fatti di persone, luoghi, istituzioni. La Macro Regione Adriatico-Jonica di Demanio Marittimo.Km-278 esiste. E' una mappa – geografica e concettuale – è interattiva, è fatta di punti, costellazioni e networking: sul piano temporale è il risultato delle partecipazioni e collaborazioni delle 4 edizioni, sul piano spaziale sono le geografie toccate dal progetto, sul piano strategico è l'aggregato delle reti che stanno insieme e animano la progettualità: fondazioni, media, università, istituzioni, reti professionali, agenzie di produzione culturale, centri di ricerca e incubazione.
Il progetto, in forma di prototipo, è realizzato in collaborazione con Nova24, media partner dell’evento e con Seac02 che ne cura la progettazione e implementazione tecnologica.

DEMANIO MARITTIMO.KM-278
http://www.mappelab.it
twitter.com/mappelab facebook.com/mappelab
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Giancarlo Garoia
 RETERICERCA (Leggi tutti i comunicati)
47122 Forlì Italia
rete.ricerca@libero.it
3338333284
Allegati
Non disponibili