È tempo di cambiare! Gli Autori chiedono maggiori tutele al Parlamento UE

Una delegazione di autori - provenienti da 8 diversi Paesi UE - ha presentato una petizione firmata da più di 25.000 autori e compositori europei oggi a a Strasburgo per chiedere al Parlamento Europeo di adottare soluzioni significative nell’ambito della “Direttiva sul Copyright nel Mercato Unico Digitale”.
Strasburgo,, (informazione.it - comunicati stampa - economia) SIAE, che è un’organizzazione senza scopo di lucro e fa parte di GESAC, è impegnata in prima linea nelle battaglie a favore dell’intera comunità degli autori e per migliorare il quadro legislativo europeo in difesa della cultura e della creatività.
Per questo la Società Italiana degli Autori ed Editori sostiene la petizione #makeinternetfair che sollecita il Parlamento Europeo “a fare la cosa giusta” per porre fine al “trasferimento di valore” per una corretta remunerazione del diritto d’autore sulle piattaforme digitali.

La delegazione di autori ha presentato una petizione firmata da più di 25.000 autori e compositori europei, che fa seguito ad una precedente, lanciata nel 2016 con Pedro Almodovar, Jean-Michel Jarre, Daniel Buren, Agnieszka Holland, Ennio Morricone, David Guetta e altri.

La petizione chiede la fine del “transfer of value” (trasferimento di valore) di cui beneficiano alcune delle maggiori piattaforme digitali a scapito degli autori. Questi giganti della tecnologia rappresentano oggi i principali punti di accesso alle opere dei creatori, generando enormi guadagni per loro ma offrendo un ritorno molto piccolo o nullo agli autori.

Gli autori chiedono al Parlamento Europeo di porre fine a questa situazione e di adottare una soluzione significativa nell’ambito della proposta di “Direttiva sul Copyright nel Mercato Unico Digitale”.

L’eurodeputata Silvia Costa ha dichiarato: “L’Europa è sempre stata e deve rimanere la paladina della cultura e della creatività, che è ciò che ci unisce. Oggi ha una possibilità storica di rendere agibile il campo di gioco ai creatori e ai servizi online consentendo un buon funzionamento del mercato unico digitale dell’UE per i contenuti creativi. Si tratta di garantire indipendenza e libertà per chi crea, consentendo al tempo stesso l’accesso alle loro opere da parte dei consumatori. Il fatto che tanti autori siano impegnati dalla nostra parte ci dimostra che siamo sulla strada giusta e che i diritti d’autore/copyright, la libertà e la democrazia camminano di pari passo”.
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Ciocca (Lega), chiede intervento Parlamento Ue  -  “E’ una situazione gravissima. I due marittimi italiani, ancora trattenuti in Tunisia, versano in gravi condizioni senza avere a disposizione cibo fresco e medicinali”. Così l’europarlamentare della Lega Nord Angelo Ciocca è intervenuto oggi durante la sessione plenaria al Parlamento di Strasburgo,…
CAREFOR chiede all'UE di tutelare la ricerca accademica indipendente  -  "La ricerca accademica indipendente è in pericolo a causa della mancanza di fondi e di una normativa adeguata" ha dichiarato Rolf Stahel , Past-President di ESMO nonché cofondatore di CAREFOR. Che aggiunge: "Lavorando in stretta collaborazione con le…
LIAF: esperti al Parlamento europeo - La sigaretta elettronica, una potenziale svolta per la salute in Europa  -  Dichiarazione della LIAF – Lega Italiana Anti Fumo: La tavola rotonda al Parlamento europeo riconosce i benefici potenziali della sigaretta elettronica, che va trattata dai paesi europei come un normale prodotto di largo consumo, per…
L'AUTORE - Il mestiere della musica, un'opportunità per i giovani autori  -  Edizioni Curci e Officina della Musica e delle Parole in collaborazione con Art&musica presentano la 1^ edizione del concorso per giovani autori e compositori di canzoni “L’AUTORE - Il mestiere della musica”, un’iniziativa che vuole offrire l’opportunità agli autori di…
Loading....