Costituito a Padova il "COMITATO NAZIONALE AEC PER LA CLASS ACTION JHONSON&JHONSON"

Il Comitato, facente parte integrante della A.E.C. - Italia, che ne ha promosso la nascita al proprio interno, svolgerà attività di informazione, assistenza e tutela, da fornire tramite il proprio Centro Servizi e gli Avvocati, gli Studi Legali e i Professionisti esperti del settore convenzionati con la AEC - Italia, per aiutare i cittadini che hanno subito una autoprotesi all'anca con i prodotti della DePuy, azienda statunitense del colosso Johnson & Johnson.
Abano Terme, (informazione.it - comunicati stampa - salute e benessere) l'azienda farmaceutica DePuy, del gruppo Jhonson&Jhonson Medical ha dichiarato di voler ritirare volontariamente dal mercato tutti i prodotti del modello identificato con la sigla ASR: cioè le protesi di rivestimento ASR e il sistema acetabolare ASR XL. Ha quindi invitato le Aziende Sanitarie Italiane a raccomandare ai cittadini degli esami di controllo, ipotizzando anche la necessità di una rimozione e un conseguente nuovo impianto di protesi. Sulla base di questa richiesta di sicurezza, il Ministero della salute provvedeva a informare i chirurghi ortopedici, le strutture ospedaliere italiane pubbliche, private ed accreditate che si sarebbero potuti verificare «scollamenti delle componenti, sacche di liquido, dislocazione, sensibilizzazione al metallo e dolore». Invitava pertanto i pazienti che avevano subito questo intervento a recarsi dal medico di fiducia per controllare la provenienza dell’impianto e il livello di cobalto nel sangue. Queste protesi di rivestimento e il sistema acetabolare sono stati impiantati a pazienti italiani a partire dal marzo 2004. In tutto il mondo, DePuy ha venduto circa 93 mila sistemi ASR. In Italia, più di 4.500 a oltre 200 strutture ospedaliere. Questo potenziale danno per la salute del cittadino potrebbe manifestarsi in qualsiasi momento.Importante compito del Comitato è quello di aiutare i pazienti che hanno subito l’operazione di innesto della protesi incriminata, raccogliere le loro pratiche e assisterli in forma collettiva nell’avvio della procedura di richiesta danni, partendo dalla fase pre-conciliativa arrivando poi all’azione collettiva.L’attività di corretta informazione sullo stato in essere della vertenza e, soprattutto, del recupero dei danni subiti, sarà coordinata dagli avvocati facenti parte del pool di legali incaricati e convenzionati con la AEC Italia presenti su tutto il territorio nazionale e all'estero.Coordinatore del pool di legali è l’avvocato Stefano De Checchi, del Foro di Padova assieme agli avvocati Marco Pata e Claudio Calvello, Davide Favotto, Mario Tocci, Pier Leo Masciarelli, Elena Bassoli, Nicola Todeschini, Michele De Bellis, Gianluca Bozzelli e molti altri ancora.
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Contatto
avvocato Stefano De Checchi
"COMITATO NAZIONALE AEC PER LA CLASS ACTION JHONSON&JHONSON"
Via Andrea Brustolon, n. 14
35031 Abano Terme (Padova) Italia
[email protected]
Ufficio Stampa
Associazione Europa Cultura - Italia
AEC Italia
Via Andrea Brustolon, n. 14
35031 Abano Terme Italia
[email protected]
3288033227
Allegati
Non disponibili