IMOLA Teatro Ebe Stignani GILLES APAP violino, ALFREDO OYÁGÜEZ MONTERO pianoforte

ERF#StignaniMusica 2021/22, VI edizione, Venerdì 14 gennaio 2022 ore 21. Primo concerto dell’anno al Teatro Ebe Stignani di Imola - venerdì 14 gennaio 2022 alle 21.00 – con un duo d’eccezione formato dal violinista di fama mondiale Gilles Apap e dal pianista Alfredo Oyágüez Montero, abile interprete sia di musica da camera sia di repertorio vocale, insieme per una proposta originale e varia, tra danze popolari, sonate e preludi.
Bologna, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura)

 

ERF#StignaniMusica 2021/22, VI edizione

GILLES APAP violino
ALFREDO OYÁGÜEZ MONTERO pianoforte

Venerdì 14 gennaio 2022 ore 21.00
IMOLA Teatro Ebe Stignani

Primo concerto dell’anno al Teatro Ebe Stignani di Imola - venerdì 14 gennaio 2022 alle 21.00 – con un duo d’eccezione formato dal violinista di fama mondiale Gilles Apap e dal pianista Alfredo Oyágüez Montero, abile interprete sia di musica da camera sia di repertorio vocale, insieme per una proposta originale e varia, tra danze popolari, sonate e preludi.

Due grandi artisti dal percorso musicale diversissimo s’incontrano qui attraverso la sensibilità di quattro inarrivabili autori occidentali. Il concerto si apre con la brillante Sonata in do maggiore, dedicata a Mlle Thérèse Pierron K. 296 di Mozart, dove pianoforte e violino dialogano come fossero due solisti, passando dalla vivacità del primo movimento alla tensione del Rondò finale. Sono invece spigolosi, moderni e mossi dal nevrotico ottimismo statunitense dei ruggenti anni ’20, i Tre preludi per pianoforte di Gershwin, che come in una tela dell’epoca descrivono i paesaggi urbani di Francis Scott Fitzgerald. Dal magnifico repertorio di Bartók le celebri Román népi táncok (Danze popolari romene), arrangiate per violino e piano, una stretta sequenza di sei danze popolari, alternanza di trilli di gioia e melanconiche melodie che sembrano provenire da Ankara, un assaggio della grande complessità della musica rumena. Chiude il concerto la Sonata in sol maggiore per violino e pianoforte “Regensonate” op. 78 di Brahms, un caposaldo della musica cameristica tra fine ottocento e inizi novecento, ancora oggi considerata una delle massime espressioni di tutta la produzione di Brahms e forse dell’800.

Nato in Algeria da una famiglia francese, Gilles Apap è famoso in tutto il mondo non solo per le sue virtuosistiche interpretazioni dei classici del repertorio, ma anche per il suo sensuale, rilassato e al tempo stesso intenso modo di suonare, in grado di comunicare a chiunque lo ascolti la pura gioia del fare musica. Il suo repertorio è vasto e originale con una programmazione unica che fonde i confini tra gli stili musicali, dai classici fino a generi come il jazz e il folk provenienti da tutto il mondo. Nel 1985, dopo l’affermazione alla prestigiosa “International Menuhin Competition”, Gilles ha stabilito un sodalizio duraturo con Yehudi Menuhin fino alla sua scomparsa. Proprio quando Menuhin morì, stavano lavorando assieme a un film sul Concerto n. 3 per violino di Mozart, ispirato alla cadenza di Gilles per il 3° movimento, nel frattempo divenuta leggendaria. Il film fu poi completato postumo per ARTE e continua a essere regolarmente trasmesso dalle principali TV europee.

Alfredo Oyágüez Montero si è laureato alla Yale University, dove ha frequentato un master di musica. Ha completato anche altri master in direzione d’orchestra e pianoforte alla University of California di Santa Barbara. È stato direttore associato e general manager della UCSB Symphony Orchestra and Opera Theater di Santa Barbara. Nato in Spagna, ha completato gli studi al Conservatorio di Madrid ed ha trascorso tre anni in Polonia e in Repubblica Ceca studiando all’Accademia Chopin dell’Università di Varsavia e all’Accademia delle Belle Arti di Praga con I pianisti Andrej Stefansky, Ivan Moravec e Boris Krainj. A Yale ha studiato con Boris Berman. Abile interprete, Oyágüez si è esibito in concerti e festival in tutto il mondo, sia come solista sia in collaborazione con rinomate formazioni da camera e di repertorio vocale. Attualmente è a capo del Dipartimento di Direzione e Responsabile artistico orchestrale presso il “Conservatorio Superior de Las Islas Baleares” dirigendone regolarmente sia la l’Orchestra sinfonica che quella da camera. I prossimi impegni lo vedranno tornare negli Stati Uniti con un tour di sette concerti da costa a costa, ma anche in Europa, Nuova Zelanda e Africa.

L’appuntamento successivo lunedì 31 gennaio 2022 alle 21.00 al Teatro Ebe Stignani di Imola è con il prestigioso duo violoncello e pianoforte, Enrico Dindo e Carlo Guaitoli, alle prese con un programma di brani di Schumann Brahms e Mjaskovskij.

 

MUSICA A 1 EURO

Continua anche quest’anno a coronamento della stagione ERF#StignaniMusica 2021/22, il progetto Musica a 1 euro, a cui Emilia Romagna Festival tiene molto e che tanta partecipazione ha avuto nelle passate stagioni. Rimarrà immutata per tutti i ragazzi delle scuole imolesi la possibilità di accedere a tutti gli spettacoli con biglietti a 1 euro.

In merito agli incontri-concerto dedicati alle scuole, saranno valutate le modalità di realizzazione in base alle disposizioni vigenti riguardanti le organizzazioni previste dalle disposizioni ministeriali in merito alla ripresa della scuola. È però ferma intenzione continuare a portare avanti il progetto Musica a 1€, che tante soddisfazioni ha dato negli scorsi anni, anche se con tempi e modalità diverse che si potranno valutare solo più avanti.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
Allegati
Non disponibili