MASSACRO DELFINI, INTERROGAZIONE UE DI FDI: “VICENDA AGGHIACCIANTE CHE DIMOSTRA INCOERENZA UE”

Inizoativa degli europarlamentari di Fratelli d’Italia-ECR, Nicola Procaccini, e Raffaele Stancanelli
BRUXELLES, (informazione.it - comunicati stampa - politica e istituzioni)

BRUXELLES - “Davanti al gigantesco e inutile massacro rituale di 1.500 delfini nella socialdemocratica ed europeissima Danimarca, la UE è immobile e indifferente mentre è sempre particolarmente solerte nel promuovere pratiche di pesca restrittiva nel Mar Mediterraneo. Una vicenda agghiacciante, sulla quale abbiamo presentato una interrogazione alla Commissione UE chiedendo di intervenire sul governo danese, affiche’ esso eserciti la propria influenza sull’amministrazione delle Isole Far Oer, nella speranza di ottenere un superamento della pratica descritta, o perlomeno una sua regolamentazione stringente”.   

Lo affermano gli europarlamentari di Fratelli d’Italia-ECR, Nicola Procaccini, e Raffaele Stancanelli, che aggiungono:  

È incredibile che il governo del civilissimo Regno di Danimarca, Stato membro dell’Unione, mostri indifferenza nei confronti di questa pratica, che non risulta neanche connessa al bisogno di sfamare la popolazione locale e non è approvata dalla Commissione internazionale per la caccia alle balene. Ci chiediamo come L’Unione Europea possa applicare due pesi e due misure in maniera così sfacciata sul fronte della pesca. Mentre si consente il i massacro dei delfini nel Mare del Nord, si impone ai pescatori del Mar Tirreno lo stop alla pesca dei gamberi per tutto il 2021. E si manifesta da parte della DG Mare la volontà di creare aree marine protette esclusive con ulteriori significative limitazioni alle attività di pesca nel Mediterraneo. La sostenibilità della pesca europea deve coinvolgere in maniera unitaria tutti i mari del continente ed azioni simili non posso essere tollerate soprattutto da parte di chi svolge le proprie attività attenendosi alle stringenti regolamentazioni come fanno i pescatori del mar mediterraneo”, concludono Procaccini e Stancanelli 

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr