Conclusa con successo la prima parte dei convegni del Popolo dei Terremotati AEC alla Borsa MULA

Uscire dalla fase dell'emergenza protrattasi ormai da oltre due anni con la parola d'ordine: passiamo ai Fatti, basta Parole. L'occasione per lanciare questo messaggio forte al Governo e ai Politici e Amministratori locali si è presentata grazie alla collaborazione con il Comitato Organizzatore della "Borsa del Turismo del Centro Italia M.U.L.A. (Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo) che ha concesso alla Associazione Europa Cultura Italia di promuovere due convegni per il Popolo dei Terremotati AEC.
San Benedetto del Tronto, (informazione.it - comunicati stampa - economia) “Popolo dei Terremotati AEC” alla “Borsa MULA” a San Benedetto del Tronto. Si passa ora alla fase del Tavolo Tecnico Permanente per arrivare alla conclusione della ricostruzione e al rilancio dell’Economia del territorio che si ottiene anche attraverso investimenti in Agricoltura, Enogastronomia e Turismo.

Il tema portante degli incontri organizzati dal “Popolo dei Terremotati AEC”, espressione del Coordinamento Nazionale Alluvionati e Terremotati Italiani della Associazione Europa Cultura, alla Borsa del Turismo del Centro Italia “MULA” che si sono tenuti il 25 agosto e il 1 settembre 2018, è stato quello della necessità di dare ossigeno e sostegno alle attività del territorio colpito dai terremoti, fattore questo indispensabile per la rinascita.

Si è discusso molto del tema sicurezza del territorio, della irreversibilità nel procedere di pari passo tra la ricostruzione degli edifici pubblici con quelli privati, lasciando da parte la lentezza della Burocrazia e uniformando gli sforzi, come evidenziato negli accorati interventi di Sergio Pirozzi, ex sindaco di Amatrice e attuale consigliere regionale del Lazio, che ha lanciato messaggi forti e chiari affermando “non si deve far passare il messaggio che va tutto bene. Abbiamo ancora il 50% delle macerie da rimuovere e gran parte delle opere finora effettuate sono state possibili solamente grazie alle Donazioni private”.

Anche il vicesindaco di Norcia, Pietro Luigi Altavilla, non ha risparmiato pesanti parole. “Ci stanno prendendo in giro” ha commentato “non abbiamo ancora spazio ed edifici pubblici a due anni dal sisma che siano di riferimento per il cittadino e l’Anas ci sta lasciando isolati e con aperture a dir poco ridicole. Ci sentiamo abbandonati ma non demordiamo, le nostre aziende sono qui con i loro prodotti per dimostrare che siamo vivi e vogliamo fortemente rinascere”.

Per far capire che i tempi stanno cambiando e che il Popolo dei Terremotati AEC è propositivo e non polemico, come evidenziato per il Forum del Popolo dei Terremotatidal dr. Marco Roda, presidente dell’associazione Ricostruire Scai e Varoni di Amatrice, mentre i referenti dei vari Comitati del Centro Italia e l’architetto Guendalina Salimei, hanno presentato progetti da sostenere e far finanziare.

Il dr. Giuliano Bartolomei ha presentato delle slide evidenziando il fatto che pochi sanno dei fondi tuttora disponibili e inutilizzati “perché nessuno li chiede”.

Evidenziata dal dr. Mario Di Felice la necessità di coltivare e produrre da semi antichi italiani cibi genuini per la salute e il benessere delle persone.

Sulla conservazione e protezione di fauna e territori incantevoli la biologa Maria Gaetana Barelli ha illustrato con passione i paesaggi naturalistici dei Sibillini che saranno oggetto di ulteriori approfondimenti.

Il presidente della Camera di Commercio di Ascoli Piceno, dr Gino Sabatini, ha voluto porgere il suo personale saluto alle aziende e ai cittadini presenti.

Interesse ha suscitato l’intervento nel convegno del 25 agosto del prof. Pietro Mazzuca affiancato dalla geologa Antonella Laurelli sul tema della salvaguardia del territorio e diversi temi inerenti l’economia produttiva da estendere a tutte le zone colpite dal sisma. In modo particolare intensificando e creando ricchezza dalla coltivazione programmata di prodotti e sementi esclusivamente tipiche del territorio italiano evitando nel modo assoluto di coltivare utilizzando semi acquisiti tramite le multinazionali.

Appuntamento per i prossimi convegni tematici e per l’apertura del Tavolo Tecnico AEC Permanente… a brevissimo.
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
Sergio Sambi
AEC Europa Italia Popolo dei Terremotati
Via Francesco Petrarca 23
35031 Abano Terme Italia
eurosportello@aeceuropa.eu
3472869633