Patek Philippe

Le origini del Nautilus. Gli anni ‘70 furono per l’orologeria svizzera in generale un periodo estremamente difficile; non dimentichiamo che in quel decennio la spietata concorrenza degli orologi al quarzo “made in Japan” obbligò gli imprenditori svizzeri a un riesame attento della loro organizzazione e a un profondo lifting chirurgico dei loro prodotti.
Genova, (informazione.it - comunicati stampa - varie)

Gli anni ‘70 furono per l’orologeria svizzera in generale un periodo estremamente difficile; non dimentichiamo che in quel decennio la spietata concorrenza degli orologi al quarzo “made in Japan” obbligò gli imprenditori svizzeri a un riesame attento della loro organizzazione e a un profondo lifting chirurgico dei loro prodotti.

La direzione della Patek Philippe aveva percepito la necessità di un cambiamento, il bisogno di rinfrescare il “clichè” della marca, allargando la gamma dei prodotti a modelli più moderni. Perpetuare la tradizione e contemporaneamente ringiovanire l’effige che il pubblico si era creato del marchio. Per Patek Philippe questa era diventata una strategia prioritaria; si ricercarono quindi nuovi design come l’Ellipse che era stato lanciato recentemente e il Nautilus che con la sua forma innovativa e la scelta dell’acciaio come metallo, si inseriva perfettamente in questa strategia di rinnovamento dinamico del prodotto.

Il Nautilus rappresenta infatti il simbolo di questa evoluzione: un corologio sportivo-elegante in acciaio per uomini dinamici, i manager della nuova generazione.

Questo modello è nato da un disegno scarabocchiato su un tovagliolo in un ristorante di Basilea da Gerald Genta.

La scelta del nome fu eccellente, l’indicazione simbolica alle avventure di Capitan Nemo tratte dal romanzo di Giulio Verne “Ventimila leghe sotto i mari”.

Fu chiamato Nautilus perchè ricordava nella forma della cassa, l’oblò dei vecchi transatlantici e puntualizzava chiaramente le ambizioni e le aspettative di affidabilità che gli ingegneri della Patek Philippe avevano previsto per questo orologio, anche in condizioni estreme.

Non sarebbe una storia a lieto fine se questi due modelli, con il passare del tempo non fossero stati capiti e apprezzati. Alla fine il genio creativo vinse e oggi queste due referenze sono delle ”vedette”, il cavallo di battaglia di due marche prestigiose.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
Guido Mondani
 Mondani Editore (Leggi tutti i comunicati)
Corso Torino 9/1
16129 Genova
[email protected]
010589041
Allegati
Non disponibili