Accoglienza turistica in simbiosi con l’ambiente e all’insegna dell’efficienza energetica: il caso studio dell’agriturismo cheloni di guasticce (li) che ha scelto mydatec per la ristrutturazione di un casolare storico della campagna toscana

Dalla natura e per la natura: potrebbe essere riassunto così il trend dell’edilizia ecosostenibile che negli ultimi anni sta conoscendo un impiego cospicuo di materiali interamente naturali per i progetti di costruzione e ristrutturazione edile all’insegna dell’ecosostenibilità e del vivere salutare.
Milano, (informazione.it - comunicati stampa - industria)

A confermarlo è l’indagine condotta dalla Allied Market Research, secondo cui la valutazione di mercato degli Alternative Building Materials[1] attestatasi a circa 190 miliardi di dollari nel 2020, raggiungerà i 330 miliardi nel 2030, con un tasso di crescita composto annuale del 5,8% e una crescita complessiva del 74%.

L’edilizia, dunque, fa sempre più rima con sostenibilità e innovazione, un aspetto particolarmente sentito anche per quanto riguarda l’accoglienza turistica, come dimostra il caso studio dell’Agriturismo Cheloni di Guasticce (LI) che ha deciso di affidarsi a MyDATEC, marchio TELEMA con oltre 40 anni di esperienza nel settore della climatizzazione e del controllo dell’aria, per la ristrutturazione di un antico casolare immerso nella campagna toscana secondo i principi della bioarchitettura e del risparmio energetico.

 

IL PROGETTO DELL’AGRITURISMO CHELONI IN CALCE E CANAPA

Il progetto di bioedilizia dell’Agriturismo Cheloni di Guasticce (LI) nasce dalla necessità di ristrutturare un casolare centenario, presente all’interno della tenuta agricola, per trasformarlo in una struttura ricettiva sul modello di un edificio perfettamente integrato con la natura e dalle caratteristiche tipiche della passive house, ovvero, progettato con criteri che limitano al massimo il fabbisogno energetico necessario a garantire comfort indoor per il riscaldamento e raffrescamento degli ambienti.

La progettazione dell’isolamento perimetrale e dell’impiantistica HVAC è stata affidata all’Ing. Andrea Migli dello Studio Progetto Sole, mentre il Geometra Enrico Gini ha curato la progettualità architettonica e strutturale.  È stato così realizzato un edificio costituito da due piani fuori terra con una copertura in parte a padiglioni e in parte a capanna, dotato di un ottimale grado di isolamento grazie all’impiego di calce e canapa, materiali naturali che garantiscono un’elevata durabilità nel tempo, mantenimento termico, resistenza agli agenti atmosferici, nonché comfort e benessere abitativo nel pieno rispetto dell’ambiente.

L’impiego di questi materiali assicura inoltre un ottimo comfort termo-acustico e contribuisce a regolare in maniera naturale il livello di umidità, prevenendo problematiche come muffe e condense che oltre ad inficiare la tenuta della struttura possono causare problemi di salute.

Il progetto ha previsto la realizzazione di cinque appartamenti, tutti dotati di bagno, zona cottura e di una o due camere, nonché di un ristorante a servizio della struttura.

 

LA VMC TERMODINAMICA MyDATEC A SOSTEGNO DELLA BIOEDILIZIA

“L’elevato isolamento termico garantito dalla coibentazione di 36 cm di calce e canapa, presente anche sulla copertura dell’edificio, ha determinato la certificazione Casa Gold in classe A+ ma al contempo richiedeva necessariamente l’installazione di una VMC termodinamica per garantire un’adeguata ventilazione degli ambienti e prestazioni energetiche ottimali.

Il sistema proposto da MyDATEC ci è sembrato ideale a tal scopo e in sinergia con le potenzialità offerte dall’isolamento in calce e canapa ci ha permesso di assicurare al committente il riscaldamento e il raffrescamento degli ambienti con un bassissimo consumo energetico ed elevate prestazioni in termini di comfort abitativo.

È stata così prevista l’installazione di sei macchine MyDATEC SMART 250 e 300 a servizio dei sei ambienti costituiti dai cinque appartamenti e dal ristorante, posizionate all’interno dei locali tecnici a ridosso dell’edificio.

In fase di ristrutturazione sono state realizzate all’interno del cappotto le canalizzazioni necessarie al funzionamento delle macchine, garantendo al committente una rapida installazione e la presenza negli ambienti delle sole bocchette di aerazione.

Ogni appartamento è dotato inoltre di un sistema autonomo di controllo della ventilazione per il caldo e per il freddo.” commenta l’Ing. Migli.

 

I VANTAGGI DELLA VMC TERMODINAMICA MyDATEC PER L’AGRITURISMO CHELONI

“Dopo circa due anni dalla realizzazione dell’edificio, la committenza si è detta particolarmente soddisfatta dei consumi e delle prestazioni energetiche garantite dalle soluzioni MyDATEC. È sufficiente infatti una potenza di 30 kilowatt a servizio di tutto l’agriturismo, un notevole risparmio energetico a fronte di un ottimale comfort abitativo per gli ospiti.

C’è da considerare infatti che rispetto ad una VMC di tipo tradizionale, un sistema di VMC termodinamico come quello offerto da MyDATEC offre con un unico sistema la possibilità di ventilare, riscaldare, raffrescare, filtrare, deumidificare gli ambienti.

Inoltre, gli impianti MyDATEC consentono di garantire un’ottimale manutenibilità degli ambienti grazie alla possibilità di disattivare la climatizzazione quando non necessaria, mantenendo la ventilazione costante dell’edificio per assicurare in qualsiasi momento dell’anno degli adeguati livelli di umidità.” commenta il Geometra Gini.

 

[1] Alternative Building Materials Market by Material (Bamboo, Recycled Plastic, Wood and others), End User (Residential and No-Residential), and Application (Construction, Furniture & Flooring): Global opportunity Analysis and Industry Forecast, 2021-2030” – Allied Market Research – Giugno 2021

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
Chiara Dovere
 Sound PR (Leggi tutti i comunicati)
Via Stradivari 7
20131 Milano
[email protected]
022056951