La contaminazione arte-moda: due mondi in continuo dialogo

La moda e la pittura sono forme raffinate attraverso le quali si esprime il pensiero dell’artista e della società in cui le opere si generano, ma quando questi due mondi si incontrano si verifica una contaminazione continua tra due essenze, due filosofie che si fondono, così da svelare dei connubi di forme, colori, geometrie che dialogano tra di loro.
Bologna, (informazione.it - comunicati stampa - industria) La contaminazione arte-moda: due mondi in continuo dialogo La moda e la pittura sono forme raffinate attraverso le quali si esprime il pensiero dell’artista e della società in cui le opere si generano, ma quando questi due mondi si incontrano si verifica una contaminazione continua tra due essenze, due filosofie che si fondono, così da svelare dei connubi di forme, colori, geometrie che dialogano tra di loro. Negli ultimi dieci anni, la collaborazione tra arte e fashion è divenuta sempre più importante, grazie a queste influenze reciproche, infatti, i due settori si sono collocati in un’industria contemporanea che richiede nuovi impulsi creativi. Vi sono stati diversi tipi di interazione fra i due mondi: alcuni stilisti hanno collaborato con artisti a loro contemporanei, tra gli esempi più celebri vi è quello di Gianni Versace, che vantava collaborazioni con i maggiori artisti contemporanei: ad esempio Pomodoro o Veronesi. Altri stilisti hanno ripreso opere di artisti contemporanei e non: ad esempio la casa di moda Dior, capitanata da Raf Simons, ha creato degli abiti proponendo le opere di Sterling Ruby. Mentre Jeff Knoos ha reinterpretato i lavori dei grandi maestri come Leonardo Da Vinci e Tiziano per Louis Vuitton. Questo amore di tanti stilisti per l’arte li porta non solo a ispirarvisi, ma a collaborare con galleristi o patrocinare e concepire veri e propri eventi d’arte, mostre, come «Impressions Dior», la mostra al Museo Christian Dior di Granville, in Francia, che esplora i legami tra l’Alta Moda e il movimento artistico dell’Impressionismo. Focalizzandoci sul Made in Italy, il marchio Orequo ha tratto ispirazione per le sue collezioni dall’arte, in particolare da diversi quadri, creando una corrispondenza di stili, gusti e tendenze che caratterizzano questo brand per la sua eleganza e raffinatezza: la collezione Rainbow Symphony riprende Rhythm di Robert Delaunay; Metropolitan Geometries riproduce la Composizione VIII di Vasilij Kandinskij; Strange Shape raffigura La leggenda del Nilo di Paul Klee; Moving Snails ritrae L’albero della vita di Gustav Klimt. L’originalità che caratterizza queste opere magistrali si ripercuote nelle pochette di Orequo, che posseggono in più la peculiarità di essere delle mini opere d’arte da poter portare sempre con sé.
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Contatto
Fabrizio Cucinella
Orequo
40100 Bologna (Viterbo) Italia
fabrizio.cucinella@orequo.com
0287189882
Ufficio Stampa
Fabrizio Cucinella
 Orequo (Leggi tutti i comunicati)
40100 Bologna
fabrizio.cucinella@orequo.com
+390287189882