Dalle urne ai tribunali, è scontro M5s – Renzi

Conto alla rovescia per il referendum costituzionale che a breve ci chiamerà alle urne su un tema ad alto tasso di scontro politico
roma, (informazione.it - comunicati stampa - politica e istituzioni) E’ botta e risposta tra M5s e il premier Matteo Renzi. Si surriscalda, così, il clima politico in vista della consultazione referendaria del 4 dicembre.

Oltre quaranta gli articoli interessati dalla riforma voluta dal Governo Renzi e concentrati nella seconda parte della Carta in cui, ad essere disciplinato, è proprio l’Ordinamento della Repubblica. Riforma del Senato, fine del bicameralismo perfetto, elezione del Presidente della Repubblica, abolizione del Cnel, oltre a nuove regole per i referendum abrogativi e le leggi d’ iniziativa popolare.

Dure le accuse rivolte dall’opposizione nei confronti del comitato per il Sì, accusato di aver formulato un quesito in cui non si farebbe esplicito riferimento agli articoli da modificare, né al tipo di variazione da apportare. Un testo dunque “incompleto” e “fuorviante”, sbilanciato verso la scelta del Sì.
Dalle urne ai tribunali, è scontro M5s – Renzi

Inevitabili gli strascichi legali: nelle ultime ore, Movimento Cinque Stelle e Sinistra Italiana hanno presentato ricorso al Tar. La parola, dunque, passa ai giudici amministrativi regionali, chiamati ad esprimersi sulla correttezza del quesito che, di recente, aveva ricevuto il via libera della Corte di Cassazione. Proprio su questo aspetto ha centrato l’attenzione il commento giunto nelle ultime ore dal Colle che ha smentito i pentastellati in merito alla “paternità” del testo, erroneamente attribuito alla Presidenza della Repubblica.

Pochi minuti fa, alcune agenzie nazionali hanno battuto la notizia della convocazione dei legali dei ricorsisti per un’audizione preliminare sul ricorso.

Non è tardata ad arrivare la risposta del premier Matteo Renzi, cuore del comitato per il Sì, nonché reo, secondo il M5s, di aver ordito un sostanziale “bluff” ai danni degli italiani. “E’ uno spot, non ho dubbi vinca il No – dichiara senza mezzi termini Beppe Grillo. “Questo quesito è ciò che la legge prevede per la riforma costituzionale – ribatte, sicuro, il Primo Ministro.

I toni della polemica non accennano a placarsi e, nel frattempo, anche il comico Roberto Benigni, buttandola sul ridere, sceglie di dir la sua, lanciando un chiaro endorsement alla vittoria del Sì:

“Al referendum è indispensabile vinca in Sì. Anche i padri costituenti avevano auspicato un miglioramento della seconda parte della Carta – ha dichiarato ieri ai microfoni del programma Le Iene”.

Mentre i comitati per il Sì e per il No si affannano a far valere le proprie ragioni, ad avere la peggio è un’opinione pubblica tendenzialmente confusa a causa del tecnicismo e della complessità della materia referendaria. Il rischio di espressione di un voto emotivo – pro o contro Renzi – è a nostro avviso alto. Risuonano ancora una volta attuali le note di un acuto Giorgio Gaber che, dai suoi palchi, cantava una politica fumosa e autoreferenziale.

“Persino in Parlamento
c’è un’aria incandescente
si scannano su tutto
e poi non cambia niente”

Stavolta qualcosa potrebbe invece cambiare. Al netto delle schermaglie, la partita è ancora aperta. La palla passa al cittadino che, oggettivamente, volendosi smarcare dalla logica del voto pro/contro Governo, patisce la mancanza di informazioni il più possibile obiettive.

Al riguardo, consigliamo la lettura di un interessante articolo de L’Internazionale, in tema di riforma istituazionale:

https://www.internazionale.it/notizie/2016/09/26/referendum-data-costituzionale-dicembre

Fonti: Ansa.it – Agi.it – Internazionale.it
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
valentina lombardo
 Risorgimento Italiano news (Leggi tutti i comunicati)
viale angelico 205
00195 roma Italia
ufficiocomunicazione@risorgimentoitaliano.news
0669370467
Referendum costituzionale: le ragioni del nostro NO Referendum costituzionale: le ragioni del nostro NO  -  Attraverso l'intervento di costituzionalisti, professori universitari, giuristi ed avvocati, ha disegnato ed argomentato le ragioni del nostro NO al Referendum sulle modifiche alla Costituzione che si svolgerà probabilmente a Novembre. Di quel Convegno si sono riprodotti gli atti che…
NO AL REFERENDUM COSTITUZIONALE SÌ ALLA COSTRUZIONE DELLO SCIOPERO GENERALE NO AL REFERENDUM COSTITUZIONALE SÌ ALLA COSTRUZIONE DELLO SCIOPERO GENERALE  -  Il Consiglio nazionale confederale dell'Unione Sindacale di Base, riunitosi a Tivoli il 29 maggio scorso, ha deciso di impegnare l'intero sindacato nella campagna sul NO al Referendum costituzionale. Le modifiche che si vogliono apportare alla costituzione, insieme alla…
Cori: Domenico Gallo spiega le ragioni del NO al referendum costituzionale Cori: Domenico Gallo spiega le ragioni del NO al referendum costituzionale  -  Lunedì 4 Luglio, alle ore 18:00, presso l’aula consiliare del Comune di Cori si terrà un incontro pubblico per illustrare alla cittadinanza i motivi per i quali dovrebbero votare NO al referendum costituzionale del prossimo Ottobre. L’iniziativa è organizzata dal ‘Comitato…
Comunicato CONUML sul referendum costituzionale  -  Ai comunisti, ai rivoluzionari, agli operai di avanguardia, alla classe operaia! Il governo Renzi e le forze economiche e politiche che lo sostengono stanno schierando le loro truppe in vista del referendum costituzionale del prossimo autunno. Il bulletto fiorentino, complice la minoranza del PD, ha…
LA SCHEDA DEL REFERENDUM IN PERFETTO STILE RENZI LA SCHEDA DEL REFERENDUM IN PERFETTO STILE RENZI  -  "Ormai siamo alla farsa. Questo referendum verrà ricordato dai posteri come l'atto più rappresentativo del suo ideatore. Una grandissima truffa un grandissimo imbroglio. Se da un lato i contenuti vengono indicati da tutti come una serie di errori e di storture della costituzione, dall'altro le…
Loading....