Di VERSI come due gocce d'acqua

A Bari, sabato 19 Gennaio, l'evento pugliese che celebra il decennale dell'Associazione nazionale “Donne di carta”. Le persone libro di Donne di carta di Bari, in occasione del loro ottavo compleanno, insieme a Bisceglie e Ostuni presentano il progetto “Fahrenheit 451 - Le persone libro” e la valorizzazione di diversi linguaggi coi quali leggere il mondo: letteratura, teatro, fotografia, musica.
Roma, (informazione.it - comunicati stampa - arte e cultura) A Bari, sabato 19 Gennaio, nella suggestiva location del ristorante “Asuddiest”, l'evento culturale a cura dell'Associazione nazionale Donne di carta. Le Socie e i Soci di Bari, giunte all'ottavo anno di attività, per la prima volta insieme alle Socie e ai Soci di Bisceglie e Ostuni, in un evento per promuovere il valore formativo e relazionale della lettura: una sinergia di linguaggi attraverso la vocazione del “fare rete”.

Teniamo particolarmente a questo evento - sottolinea Angela Raimondi, socia barese e Consigliera nazionale dell'Associazione - perché evidenzia il lungo percorso dell’Associazione Donne di carta, nata a Roma nel 2008 e giunta al suo decimo anno di attività. Il gemellaggio pugliese omaggia l’impegno dell’Associazione nel promuovere l’importanza delle relazioni con ogni oggetto di lettura (libri e non solo), una palestra in ascolto del mondo per sviluppare la propria identità e la propria espressività.

In programma la presentazione del Progetto “Fahrenheit 451 – Le persone libro”, ideato in Spagna da Antonio Rodríguez Menéndez e del quale l’Associazione è portavoce ufficiale italiana, con l’antologia di voci delle persone libro Donne di carta di Bari, Bisceglie, Firenze, Roma e Ostuni.

Folgorante il metodo formativo di questo progetto - racconta Mario De Marco, referente barese dell'Associazione - nel recuperare l’oralità della lettura, la memoria delle parole amate di un libro consegnate a chi ascolta, senza recitare, nella naturalezza e nell’intimità della propria voce.

In occasione dell’ottavo compleanno, l’appuntamento è dedicato alle parole della poesia: - Colpisce - prosegue De Marco - come proprio attraverso il progetto Fahrenheit 451 si abbandoni l’impostazione “scolastica” dell’imparare a memoria, con una nuova possibilità: quella di abitare ogni spazio di pausa e tutta la densità del linguaggio poetico attraverso voce e gestualità naturali.”

Nella serata, proprio a “Fahrenheit 451” di Ray Bradbury è dedicato lo spettacolo delle studentesse e degli studenti del laboratorio teatrale “L’Officina del Sole” del Liceo “Calamo” di Ostuni, con la regia di Alessandro Fiorella. Città peculiare Ostuni, in Donne di carta, perché Socie e Soci corrispondono a due classi liceali, insieme alla docente e referente ostunese Isabella Ayroldi, col supporto delle altre socie e insegnanti, Francesca Lopane e Roberta Menna.
Un'ampia trasferta quella da Ostuni, per la coralità dell'evento pugliese che coinvolgerà anche Socie e Soci della neo-associata Bisceglie, con referente Francesca Di Bitetto.

Accompagna la pluralità di linguaggi la mostra fotografica “In altre parole” di Teresa Imbriani, a testimonianza della diversità di strumenti con i quali leggere e interpretare la realtà che ci circonda. Sospendono il Tempo, gli scatti di Teresa Imbriani, che restituiscono attraverso Bari un incanto naturale di luci, colori, attimi e presenze: l'essenziale di cui è capace ogni forma d'Arte.
Immancabile la selezione musicale a cura di Rosa Manfredi.

“Di VERSI come due gocce d'acqua” Bari, sabato 19 Gennaio 2019, ore 20
Ristorante “Asuddiest”, lungomare Di Cagno Abbrescia, 17/b
Per info e prenotazione cena: 331 219 3577

www.donnedicarta.org
www.personelibrodonnedicarta.wordpress.com

Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
Alessandra Maggi
 Associazione Donne di carta (Leggi tutti i comunicati)
Vicolo Savelli, 9
00186 Roma
info@donnedicarta.org