DALLA VITA FELICE ALLA FELICITÀ DI VIVERE: la straordinaria testimonianza di Maria Rosa Previti

La casa editrice Gruppo Albatros Il Filo è lieta di comunicare la pubblicazione del libro. MIC E MAC e la RESILIENZA di Maria Rosa Previti (Gruppo Albatros, collana Gli Speciali, pp. 98 – 12 euro)
ROMA, (informazione.it - comunicati stampa - editoria e media) “Era proprio un cancro quel Mic che aveva invaso Mac. Rischiava la vita. Quella vita che vuol dire proprio resistenza contro il caos, quella vita che è un sistema in grado di mantenere costante il livello di entropia al suo interno. Se tutto va bene, se non arriva quel fulmine a ciel sereno che si chiama cancro. E diventa arduo tornare al cosmos quando ci si trova intrappolati nel caos”.

“Se non muori subisci comunque una battuta d’arresto. Ma poi c’è una trasmutazione: dalla vita felice alla felicità di vivere. Anche se si deve rinunciare alla vita felice di prima, si conserva la felicità per la vita. Ci si deve arrivare anche se inizialmente appare impossibile. Se racconto la mia esperienza non ottengo risarcimenti, ma forse riesco a superare la mia solitudine di malata. La Medicina Narrativa può favorire il lavoro che sto facendo per sublimare la mia esperienza di malattia diventata esperienza di vita, di un’intera vita”.

“Cerco e trovo sempre occasioni di felicità e di gioie grandi e piccole. La felicità non arriva da sola. Bisogna evocarla, favorirla, permetterle di rompere il muro di gomma dei nostri malumori nei quali tante volte restiamo invischiati con note di masochismo. E non parlo della felicità sollievo, di quella felicità che arriva nel momento in cui scompare una preoccupazione o un dolore. Parlo della possibilità di crearsi da soli spazi di gioia, di felicità pura, modellata sui gusti e sulle passioni di ciascuno”.

Questi sono solo alcuni dei molteplici passaggi significativi del toccante diario di Maria Rosa Previti, che scrive per condividere e testimoniare un’esperienza di vita molto complessa, perché difficile ed eccezionale al tempo stesso. La malattia, un tumore al seno, infatti, la colpisce improvvisamente quando era una giovane mamma di due bambine. Erano gli anni Settanta, il 1974 per l’esattezza.
Dopo l’intervento, la radioterapia e, quasi miracolosamente in quel periodo, Maria Rosa si salva dal cancro, anche se per tutta la vita, pagherà sulla sua pelle le conseguenze di terapie molto aggressive che la rendono progressivamente invalidata nell’uso di un braccio. Tuttavia, seppure fortemente provata, Maria Rosa non si arrende e non smette di mettersi in gioco. Continua a insegnare, ama profondamente il suo lavoro, poi diventa pittrice e giornalista, si dedica con passione al sindacalismo e alle politiche attive a favore dell’integrazione delle persone con disabilità. Soprattutto comincia a scrivere e a ottenere i primi riconoscimenti, alcuni dei quali proprio nell’ambito della Medicina narrativa.
La forza di questo suo nuovo libro è lo sguardo profondo su tutto il suo vissuto, così ricco di esperienze, curiosità e gioia di vivere. In un racconto che è intimo ma anche leggero, a tratti persino ironico. Una testimonianza preziosissima che emoziona e coinvolge dalla prima all’ultima parola.

Maria Rosa Previti è nata a Palermo il 18 maggio 1942. Dopo la maturità classica, nel 1964 si laurea in Scienze Naturali e nel 1967 in Biologia. Docente di Scienze per trent’anni, lascia la scuola nel 1996, consegue dei master, diventa giornalista pubblicista nel 1999, si dedica a pittura, attività iniziata nel 1974, giornalismo, sindacalismo, associazionismo, politiche attive a favore dell’integrazione delle persone con disabilità, Medicina Narrativa. Tra il 2001 e il 2009 insegna all’Università di Palermo come professore a contratto, pubblica articoli e libri, tra i quali La Signora Acca Uno (1997, ed. Vento sociale), Sano come un pesce (2001), con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Provincia Regionale di Palermo e Il cancellino e altre storie (2011, Albatros Il Filo), con il patrocinio dell’Assessorato Regionale della Sicilia alla P.I. Ha conseguito numerosi premi e riconoscimenti come scrittrice, ma non ha mai abbandonato la carriera parallela di pittrice. Attualmente ha in attivo diverse collaborazioni giornalistiche e letterarie anche online. Su Azione Sanitaria, bimestrale della Feder.S.P.eV (Federazione Sanitari Pensionati e Vedove/Vedovi) gestisce il Blog “Rosso e Nero”.

Il libro è acquistabile in libreria e nei principali store online.
Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Ufficio Stampa
ufficio stampa gruppo albatros
 gruppo albatros (Leggi tutti i comunicati)
(Roma) Italia
uffstampa@gruppoalbatros.com