Intervista allo scrittore Roberto Alessandrini

Giurato del Premio Strega 2019 e del Premio Biblioteche di Roma 2017 e 2018. Alessandrini, nel 2019, ha un pubblicato il libro "Per mille conchiglie d'argento" che ha riscosso un buon successo in termini di vendite. E' una lettura adatta a piccoli e grandi lettori.
Roma, (informazione.it - comunicati stampa - editoria e media)

Alessandrini, nel 2019, ha un pubblicato il libro "Per mille conchiglie d'argento" che ha riscosso un buon successo in termini di vendite. E' una lettura adatta a piccoli e grandi lettori. Se desiderate entrare nel mondo della fantasia, intessuto di storie avvincenti, di personaggi simpatici e di incontrare la leggerezza e il mistero che si nascondono nelle preziose verità, vi consiglio di sfogliare queste pagine... (Roberto Alessandrini / Editore Youcanprint, 2018). Prenota la tua copia presso qualsiasi libreria di fiducia o acquistala sui siti degli store più importanti al livello nazionale o sulla pagina autore di Roberto, iscrivendoti al sito. Ti arriverà a casa entro pochi giorni.

Come hai iniziato a scrivere? Chi ti leggeva all'inizio?
Ho iniziato all'età di circa 12-13 anni. Già alle media mi resi conto che mi piaceva scrivere. Mi dava un senso di libertà e sentivo che potevo esprimere ciò che provavo dentro. La scrittura mi ha aiutato ad affrontare le mie solitudini e a non buttarmi mai via. Comunque mi leggeva mia madre.

Qual è il tuo genere preferito? Alcuni link dove possiamo vedere o leggere qualcosa di una tua opera recente?
Un po' tutti. Potete consultare sempre il mio sito: www.robertoalessandrini.it


Com'è il tuo processo creativo? Che cosa succede prima di sederti a scrivere?
Non c'è un processo prestabilito. Quando ho un pensiero, delle parole o un concetto per la testa, mi siedo a tavolino e cerco di svilupparlo. A volte ci vuole più tempo, altre volte scrivo direttamente di getto, senza bisogno di eventuali correzioni.

Che tipo di lettura ti attiva la voglia di scrivere?

Nessuna.

A tuo parere, quali sono gli ingredienti basilari di una storia?
Passione, originalità e cuore.

In che panni ti senti meglio: prima persona o terza?
Anche quando scrivo in terza persona, c'è sempre qualcosa di mio, del mio carattere, del mio sentire; però sicuramente direi in prima persona, anche se mi piace mettermi nei panni degli altri per capire le loro difficoltà ed imparare ad amarle.

Che scrittori famosi ammiri di più?
Luigi Pirandello e Gianni Rodari.

Cosa rende un personaggio credibile? Come crei i tuoi?
Raccontando me stesso e tutte le persone che non hanno voce.

Sei altrettanto bravo raccontando storie oralmente?
No.

Nel più profondo delle tue motivazioni, per chi scrivi?
Per gli ultimi e per chi ha ancora un cuore.

Si può scrivere come terapia personale? I conflitti interni sono una forza creativa?
Penso di si, ma alle volte i conflitti interni possono provocare anche sofferenza.

Ti serve il feed-back dei lettori?
Si

Ti presenti a concorsi? Hai ricevuto premi?
Si, ho partecipato a diversi concorsi nazionali e internazionali, che mi hanno dato la possibilità di ricevere importanti riconoscimenti, ma anche la possibilità di potermi confrontare con la gente e mettere in discussione i miei scritti e la mia personalità.

Mostri i tuoi bozzetti a qualcuno di fiducia per avere la sua opinione?
Si, certo.

Credi ti aver già trovato la "tua voce" o è qualcosa che cercherai eternamente?
Si, penso di averla trovata!!

Ti imponi una disciplina per organizzare orari, mete, ecc? Quale?
L'organizzazione è importante, altrimenti vivi nella confusione. Non ho una disciplina ben precisa.

Di cosa ti circondi nel tuo studio di lavoro per favorire la tua concentrazione?
Alcune volte ho bisogno di silenzio. Altre volte devo solo mettere su carta, lo scritto che è dentro di me.

Scrivi allo schermo, stampi con frequenza, correggi nel foglio….? Com'è il tuo processo?
In genere scrivo al computer, correggo e poi alla fine stampo.

Che pagine on-line frequenti per condividere esperienze o informazioni?
Diversi forum e siti culturali.

Com'è stata la tua esperienza con case editrici?
Sono solo stato pubblicato in tante antologie di diversi editori. Attualmente ho un contratto con Youcanprint Editore e mi trovo bene.

In che progetto stai lavorando ora?
Sto scrivendo un nuovo libro.

Cosa mi consigli di fare con tutti quei testi che continuo a scrivere da anni e che però non ho mai mostrato a nessuno?
Partecipa a concorsi, falli leggere a persone fidate, mettiti in discussione.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
Roberto Alessandrini
Roma Italia