Borse studio Skema, le tesi di laurea analizzano turismo ed economia del territorio

Cosa sanno e pensano di Rimini 200 turisti russi, la città quale wedding destination internazionale, accessibilità e strutture dedicate per l’ospitalità di diversamente abili. Fusioni bancarie, nuovi sistemi di gestione dei costi del credito, promozione on line della destinazione e leisure marketing. Temi principali delle 9 tesi di laurea di studenti del Campus di Rimini dell’Università di Bologna, in corsa per le 3 borse di Studio Skema 2019.
RIMINI, (informazione.it - comunicati stampa - economia)

Rimini, 15 febbraio 2020 – Hanno concluso il loro ciclo di studio universitario triennale e magistrale. Alcuni lo continueranno con master e specializzazioni, altri sono già pronti a entrare nel mondo del lavoro. Sono 9 studenti del campus riminese, appena laureati negli indirizzi di amministrazione e gestione d'impresa, o economia del turismo, in quella dell’impresa, oppure in tourism economics and management. 

 

Nelle loro tesi di laurea c'è chi ha intervistato 200 viaggiatori russi che esprimono sorpresa e gradimento per la dimensione, storica, architettonica e artistica di Rimini e sottolineano come questo aspetto della destinazione debba essere comunicato ai turisti, come avviene per le grandi città d’arte italiane: Firenze, Venezia, Roma. Chi ha invece sviluppato una analisi sui metodi di promozione on line dell’accoglienza e leisure marketing, o sull’accessibilità delle strutture turistiche per i diversamente abili e gli adeguamenti strutturali per rispondere a questo tipo di bisogni.  Una novità è la tesi su Rimini quale “wedding destination” e sull’espansione nel nostro territorio di questo nuovo segmento del mercato turistico. A concludere le indagini su accoglienza e ospitalità, un focus attorno alle nuove forme di trade credit nell’industria turistica.

 

Per finanza e sistema bancario arriva un lavoro sui sistemi di controllo dei costi del credito sviluppato durante un tirocinio all’interno degli uffici di “BCC - Ravennate Forlivese & Imolese. Seguito da un’analisi sui benefici di fusioni tra istituti di credito, con il caso “RomagnaBanca”. Non manca una tesi che riflette su costi/benefici tra possibile estensione della flat tax e gettito Irpef. A chiudere il lotto, una ricerca sulle riduzione dei costi di gestione, portati dall’adozione di sistemi 4.0 nei comparti territoriali dell’industria alimentare e delle costruzioni. 

 

I lavori di ricerca sono in corsa per le borse di studio, rispettivamente di 1.500, 1.000 e 500 euro, dedicate dallo studio di consulenza aziendale riminese “Skema” alle tre migliore tesi di laurea del 2019 in ambito finanziario, economico e turistico redatte dagli studenti della facoltà cittadina. Un’iniziativa realizzata da Skema con il patrocinio e la collaborazione di Campus Rimini dell’Università di Bologna e di Uni.Rimini. I riconoscimenti saranno consegnati durante la dodicesima edizione della manifestazione “Premio Cultura d’Impresa”, promossa da Uni.Rimini S.p.A. e dal Campus di Rimini in programma il prossimo 4 marzo (ore 16.00 – Aula Magna - Via Domenico Angherà).

 

“Sviluppo e crescita economica del territorio nascono da analisi innovatave. I giovani riescono farle. È quanto emerge dalle tesi entrate quest’anno in concorso”, spiegano Andrea Piermartini e Andrea Moretti, partner di “Skema”, lo studio di commercialisti nato 26 anni fa a Rimini e oggi attivi in tutta Italia grazie ad uno staff di quasi 50 professionisti - i neo laureati sono il futuro. Un futuro a cui il nostro studio è da sempre aperto. Dal 1993, più di 80 tra laureati e laureandi hanno svolto presso Skema stage professionali e un terzo di loro ha poi continuato a lavorare nei nostri uffici. Inevitabile e sincero il nostro ringraziamento per collaborazione e sostegno Uni.Rimini S.p.A. e al Campus cittadino dell’Alma Mater Studiorum”.

 

Il Premio Cultura d’Impresa

 

Giunto alla sua XII Edizione il Premio Cultura d’Impresa è un segnale concreto del fattivo collegamento esistente tra Università e Sistema Economico Locale. Undici edizioni, 88 Laureati e 84 Aziende premiate per un’iniziativa di successo nata per rafforzare il rapporto tra il mondo della formazione accademica e quello delle imprese, nella convinzione che più questo rapporto sarà stretto e sinergico e più alti saranno i benefici per i laureati, imprenditori e per l’intero tessuto sociale ed economico della nostra realtà provinciale. A questi numeri si aggiungono quelli dell’edizione 2020, la dodicesima: 9 aziende, 16 studenti. Vengono premiate Aziende che si sono distinte nell’offerta di tirocinio formativo agli studenti o per importanti collaborazioni attivate, e Laureati indicati dai referenti dei Corsi di Laurea che hanno svolto tesi di laurea particolarmente meritevoli.

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
carlo bozzo
 ufficio stampa bartolini (Leggi tutti i comunicati)
via del tiglio 16
47853 Coriano
carlobozzo@hotmail.com
3355778445