Aroldo I di Danimarca

Il soprannome "Blåtand", che letteralmente significa "dente azzurro" o "dente blu"), nasce dall'unione delle due parole danesi "blå", cioè "Blu", e "tand", "dente". Nel paese dei vichinghi, biondi e dalla carnagione lattea, un uomo scuro di pelle e capelli come Harald poteva apparire con denti di colore blu; un'altra spiegazione per tale nome era che il re fosse ghiotto di mirtilli. La spiegazione più plausibile è che il sovrano, in battaglia, fosse solito colorarsi i denti d'azzurro, così come i suoi soldati. Recenti scavi archeologici in Inghilterra e Svezia hanno portato alla luce ossa di mercenari vichinghi alcuni teschi i cui denti erano rigati, probabilmente facendo loro cambiare colore in modo permanente, ciò ha fatto avanzare la teoria che potrebbe trattarsi della stessa tecnica usata dal re

Harald nasce attorno al 911 d.C. e viene educato dalla madre Thyra, che era vicina alla morale cristiana. Harald, nel momento in cui divenne re (un anno dopo la sconfitta paterna avvenuta in Germania nel 934), continuò con entusiasmo la ricostruzione delle chiese cristiane, alla quale il padre, Gorm il Vecchio, fu costretto dopo la dipartita in terra tedesca, e che egli stesso aveva in precedenza saccheggiato e distrutto. (fonte: Wikipedia)
Loading....