Briciole filosofiche

"Briciole filosofiche", in danese "Philosophiske Smuler eller En Smule Philosophi", è una delle principali opere del filosofo danese Søren Kierkegaard firmata con lo pseudonimo Johannes Climacus. Il titolo completo dell'opera in italiano è:" Briciole filosofiche, cioè una filosofia in briciole" (o come traducono altri autori: "Briciole filosofiche ovvero Un poco di filosofia"), titolo volutamente polemico contro il "sistema" idealistico della filosofia di Hegel . Come fa notare infatti il docente e filosofo italiano Umberto Regina «I due termini semplicemente accostati stanno a dire che se anche la quantità è poca, la qualità è tutto: è filosofia, appunto. Kierkegaard si sottrae alla logica dell'identità per valorizzare il pensiero della differenza». Il titolo pensato in origine da Kierkegaard doveva essere "Presupposti apologetici della dogmatica, cioè approssimazioni del pensiero alla fede". Ad avviso di alcuni filosofi, l'opera si colloca fra la filosofia della verità e la teologia della salvezza. Come asserisce il filosofo italiano Salvatore Spera, studioso del filosofo danese, con questa opera Kierkegaard pone l'uomo, con un'ipotesi provocatoria, «di fronte alla drammatica possibilità di accettare o rifiutare il mistero salvifico, la trasparenza (autopsia) della fede o la disperazione». (fonte: Wikipedia)
Loading....