Gaetano Quagliariello

Da posizioni radicali è passato nel partito di Forza Italia e siede in Parlamento dal 2006; dal 2013 al 2014 è stato Ministro per le riforme costituzionali nel Governo Letta

Studi e carriera accademica
Figlio e nipote di docenti universitari (il padre, Ernesto, fu rettore dell'Università di Bari dal 1970 al '77 e presidente del CNR dal 1976 al '84, mentre il pro-zio Gaetano fu uno dei fondatori della biochimica italiana), si avvicina alla politica tra i giovani repubblicani ai tempi del liceo, a Bari

Dopo la laurea in scienze politiche intraprese la carriera universitaria. È oggi ordinario di Storia dei partiti politici presso la LUISS di Roma. È considerato inoltre uno dei maggiori costituzionalisti italiani

Inizi nel Partito Radicale e ingresso in Forza Italia (1994-2006)
Iscritto in giovane età al Partito Radicale, negli anni ottanta ne fu segretario cittadino a Bari e poi vicesegretario nazionale

Ebbe un ruolo attivo nelle attività promosse dal partito, quali le campagne referendarie sull'aborto, il nucleare e la caccia, oltre che la "biocard", un testamento biologico in cui il sottoscrittore poteva rifiutare anche l'idratazione forzata. Nel corso di una marcia antinuclearista contro la base militare statunitense de La Maddalena, assieme a Francesco Rutelli viene arrestato per essere entrato in una zona off limits. (fonte: Wikipedia)
Era troppo vicino al Pd e ha perso

"Era troppo vicino al Pd e ha perso"

Massimo MalpicaRoma «Un po' me l'aspettavo. Umanamente è una scelta di grande dignità, ma ha anche una logica politica: la certificazione della sconfitta». Gaetano Quagliariello, presidente di IDeA e già coordinatore nazionale di Ncd, commenta così il passo indietro di Alfano.Nel suo libro «Sereno… (il Giornale - 07/12/2017) Leggi | Commenta
Loading....