Giorgio La Pira

Nacque il 9 gennaio 1904 a Pozzallo ( provincia di Ragusa ), in Sicilia , secondogenito (si pensava fosse il primo per la morte prematura della primogenita Cristina) di una famiglia di umili condizioni sociali

Crescita accademica e conversione
Nel 1921 conseguì a Messina il diploma di ragioniere, nel 1922 anche la maturità classica con la preparazione del professore di italiano Federico Rampolla del Tindaro, che lo indirizza a proseguire gli studi in giurisprudenza

Il giovane La Pira è affascinato da Gabriele D'Annunzio e Tommaso Marinetti , dal loro ideale di cambiamento, legge molto e si avvicina ad altre esperienze, condividendole con il suo gruppo di giovani amici di cui fanno parte anche Salvatore Quasimodo e Salvatore Pugliatti , futuro rettore dell' Università di Messina

La Pira era rimasto fortemente colpito dall'ascolto di un coro di suore , intuì una dimensione ulteriore, ma occorre attendere la Pasqua del 1924 affinché l'intuizione diventi conversione . Data segnata in calce sul suo Digesto , strumento di lavoro quotidiano per un docente di diritto romano . (fonte: Wikipedia)
Loading....