Marco Clementi

Il padre, originario di Amatrice, è orfano di guerra (fronte greco-albanese). La madre, apolide, è la figlia di Janina Bujvit, una profuga sovietica nata a Cracovia ma vissuta a Enakievo, in Donbass, giunta in Italia nel 1943 e internata a Udine e Petriolo (MC). Dopo l'8 settembre è scappata e ha avuto contatti con la resistenza marchigiana, dove combatté una sua amica, Tamara Firsova, per unirsi alle truppe polacche del generale Anders nel gennaio 1945 a Montefano. Il padre di Janina, Anton Antonovič Bujvit, venne arrestato e ucciso dalla polizia politica bolscevica nel 1938. Nel 1988 Clementi è tornato in Unione Sovietica, a Leningrado, dove ha concluso gli studi universitari. Si è specializzato in Repubblica Ceca (Università Karlova 1996-1999), Austria (Accademia delle Scienze 2000-2001), Ungheria (Accademia delle Scienze 2004), Slovacchia (Accademia delle Scienze 1998 e 2006), Svizzera (2007), Grecia (2009) e Stati Uniti (2017). (fonte: Wikipedia)
Loading....