Ruggero Grieco

Durante gli studi entrò in contatto e con l'ambiente socialista partenopeo e con Amadeo Bordiga. Prese parte come sottotenente alla prima guerra mondiale. Nel 1920 entrò nella segreteria nazionale del PSI

Fu tra i fondatori, nel 1921, del Partito Comunista d'Italia partecipando attivamente, come componente della frazione capeggiata da Bordiga, alla scissione di Livorno. Entrò infatti nel primo Comitato Centrale del PCd'I. Abbandonate, dopo qualche anno, le posizioni di Bordiga, si schierò con Antonio Gramsci, con cui collaborò a l'Ordine Nuovo, e che gli affidò il compito di organizzare la sezione agraria e, insieme a Giuseppe Di Vittorio, fondò l'Associazione di difesa dei contadini poveri. Si candidò alla Camera nel 1924, nelle elezioni vinte dal partito fascista, e in novembre subentrò come deputato

Alla fine del 1926 si rifugiò in Svizzera

Nell'ottobre 1927 fu condannato in contumacia dal tribunale speciale a 17 anni di carcere. Secondo Luciano Canfora nel suo libro "La storia falsa", le scelte di Grieco furono all'origine dell'arresto e della condanna di Gramsci e di Terracini. Tesi non supportata da fonti documentarie. (fonte: Wikipedia)
Loading....