Santa Venera

Il nome Veneranda è una latinizzazione del nome Parasceve, traslitterazione in greco del vocabolo originario di matrice ebraica (preparazione, vigilia della festa pasquale del sabato), in una forma della lingua latina, il gerundivo, che esprime un senso di doverosità: "degno di venerazione", dunque, il significato del nome latino attribuito alla figura della vergine e martire dei primi secoli dell'era cristiana

Santa Venera sarebbe nata il venerdì Santo dell'anno 100, nella zona delle terme romane "Xiphonie" vicino Acireale (dette anche Terme di Santa Venera al Pozzo), figlia di due nobili cristiani della Gallia, "Agatone" e "Ippolita", pii e devoti, dediti alla carità e all'aiuto dei miseri, che dopo 35 anni di preghiere e suppliche a Dio, trasferitisi dalla Gallia prima a Roma e poi ad Aci-xifonia, ebbero la gioia di avere una figlia. La madre voleva che si chiamasse Venera in ricordo del giorno fortunato della sua nascita, però Agatone, temendo che quel nome potesse essere confuso con quello della dea la chiamò Veneranda; ma i greci della contrada, ispirandosi al nome usato dagli Ebrei nell'indicare il giorno precedente al sabato della Pasqua, nel quale era nata la fanciulla, la chiamarono Parasceve. (fonte: Wikipedia)
Loading....