Stefano Pioli

Utilizza il modulo 4-2-3-1 che può trasformarsi nel 3-5-2, con i terzini che partecipano attivamente all'azione d'attacco. Nella Lazio utilizza il modulo 4-3-3.
Appassionato di pallacanestro, ha provato nei limiti del possibile (data la differenza fra i due sport) a importare nel calcio qualche accorgimento tipico dello sport sul parquet.
Inizia la carriera con la maglia del Parma, squadra di cui si è dichiarato tifoso, con cui gioca 42 partite, segnando la prima delle tre reti in carriera, in due stagioni di Serie C1 (1982-1984).
Nel 1984 passa alla Juventus: coi bianconeri rimane tre stagioni in Serie A. L'esordio in bianconero è datato 22 agosto 1984, in Juventus-Palermo (6-0) di Coppa Italia, mentre quello in massima serie è del 16 settembre seguente, in Como-Juventus (0-0). Con la maglia bianconera gioca in tutto 35 partite in campionato, 13 partite in Coppa Italia (con una rete all'attivo), 9 in Coppa dei Campioni, una nella Coppa Intercontinentale 1985, vincendo lo scudetto 1985-1986 da protagonista, a ventun'anni, la Coppa dei Campioni 1984-1985 (in cui esordisce nel 4-0 in trasferta coi finlandesi dell'Ilves nella partita giocata il 19 settembre e valida per l'andata dei sedicesimi di finale) e l'Intercontinentale prima citato. Chiude l'esperienza in bianconero con 57 presenze complessive; la sua ultima partita giocata con la maglia della Juventus è il derby Torino-Juventus (1-1) del 26 aprile 1987. (fonte: Wikipedia)
Loading....