Tommaso Bernetti

Nacque a Fermo il 20 dicembre 1779 . Figlio del conte Salvatore Bernetti e della contessa Giuditta Brancadoro e nipote del cardinale Cesare Brancadoro

Studiò legge e letteratura all'Università di Fermo, quindi andò a Roma dove il 21 febbraio 1801 ricevette la tonsura ecclesiastica. Fu aiutante dello studio legale di Vincenzo Bartolucci e segretario di Dionisio Bardaxì y Azara , auditore della Sacra Rota e futuro cardinale

Si trasferì a Parigi , più tardi a Reims e infine a Fontainebleau con suo zio, il cardinale Brancadoro, quando i francesi invasero Roma nel 1809 e il cardinale fu costretto ad andare in esilio

L'attività diplomatica al servizio della Santa Sede
Il 24 giugno 1813 fu inviato in missione segreta da papa Pio VII presso l'imperatore d'Austria Francesco I

Nel 1814 tornò a Roma con suo zio e il 3 maggio 1815 fu nominato prelato e delegato apostolico straordinario delle province di Macerata , Fermo, Ascoli e del ducato di Camerino , carica che rivestì fino al ristabilimento del governo papale nel luglio 1815 . (fonte: Wikipedia)
Loading....