Uliano Lucas

Noto per aver realizzato per decenni reportage per importanti giornali e riviste italiane, dopo il Sessantotto , documenta con ampi servizi, temi sociali «sulle realtà e le contraddizioni del proprio tempo» come le proteste di piazza, l'immigrazione, l'industrializzazione e la conseguente devastazione del territorio, alcuni luoghi di detenzione e ospedali psichiatrici. Noti anche i suoi reportage su scenari di guerra e sulle lotte per la democrazia e la libertà, dal Portogallo del dittatore António de Oliveira Salazar alle guerre di liberazione in Africa come quella d' Eritrea , della Guinea-Bissau , dell' Angola , dalla Giordania ai tempi di Settembre Nero , alle cruente guerre jugoslave , con reportage sulle città di Mostar nel 1992 e di Sarajevo nel 1993

Uliano Lucas nasce a Milano nel 1942 da Giorgio Agliani e Adele Lucas Negri. Il padre, operaio alla Breda di Sesto San Giovanni , comunista , antifascista e partigiano , subirà un confino di cinque anni prima a Ponza e poi a Pisticci . E sarà proprio in conseguenza dell'impegno politico del padre che Lucas crescerà e si formerà in un ambiente di tipo proletario che aspirava a grandi cambiamenti sociali. Studente al Convitto Scuola della Rinascita , il giovanissimo Lucas, «curioso e irrequieto» dimostra ben presto di non essere portato per la vita ordinata e stabile del Convitto, tanto che viene espulso dall'istituzione scolastica con la motivazione di "studente indisciplinato". A sedici anni incomincia a frequentare il Bar Jamaica di via Brera a Milano, e il Bar Genis all'angolo tra via Brera e via Pontaccio, allora ritrovi e crogioli di idee e progetti innovativi che coinvolgevano intellettuali, artisti, giornalisti e fotografi come Ugo Mulas , Alfa Castaldi , Mario Dondero e anche Carlo Bavagnoli e Giulia Niccolai . Ed è proprio da queste frequentazioni che nasce preponderante in Lucas la passione per la fotografia e più precisamente quella del fotoreporter freelance , una professione a quel tempo idealizzata, fatta anche di considerevoli sacrifici, ma per la quale avrebbe potuto impegnarsi socialmente e che in tutti i modi comunicava, ad uno spirito libero e ribelle come il suo, piena indipendenza ed autonomia senza vincoli e costrizioni dettate da un "capo". (fonte: Wikipedia)
CARNEVALE DI FANO. Edizione 2018. "Creatività made in Italy" 28 gennaio, 4 e 11 Febbraio 2018  -  CARNEVALE DI FANO. Edizione 2018. "Creatività made in Italy" 28 gennaio, 4 e 11 Febbraio 2018 PROGRAMMA SABATO 10 FEBBRAIO: Ore 15.00 Centro commerciale S. Orso CARNEVALE AL CENTRO COMMERCIALE A cura ass. genitori S.…
Loading....