Zelda II: The Adventure of Link

è un videogioco di genere high fantasy pubblicato nel 1987 per la console Nintendo Entertainment System; è il secondo capitolo della serie "The Legend of Zelda". Come per il titolo precedente, "The Legend of Zelda", la cartuccia del gioco è dorata

Alcuni anni prima della narrazione, un Mago malvagio, ambiva a trovare la Triforza del coraggio, e per sapere dove fosse, decise di chiederlo alla principessa Zelda. Questa, capendo le sue intenzioni malvagie, si rifiutò di dirglielo, e per questo, il Mago le scagliò un maleficio addormentandola in un sonno infinito, e iniziò la ricerca con le sue sole forze. Arrivato all'età di 16 anni, sul dorso della mano di Link compare il simbolo della Triforza, e il giovane, non sapendo che significhi, decide di chiederlo a Impa. La balia della principessa gli risponde che quel simbolo dimostra che lui è l'eroe leggendario, destinato a risvegliare Zelda dopo molti anni. Il ragazzo parte così alla ricerca della Triforza del coraggio, e scopre che questa si trova in un tempio, a cui si può accedere solo dopo aver rimesso a posto sei cristalli in altrettanti templi. Nella sua ricerca, i suoi principali nemici sono i seguaci di Ganon, che hanno scoperto che con il suo cadavere, tramite un rito sacrificale, sarebbe possibile riportare in vita il loro capo. Attraversati i primi sei palazzi, Link raggiunge il Grande Palazzo, dove si scontra con il Mago, e con una sua versione oscura sconfiggendole entrambe. Recuperata la Triforza, il giovane torna dalla principessa Zelda, e la risveglia dal suo lungo sonno. (fonte: Wikipedia)
Loading....