Volkswagen considera la chiusura di uno stabilimento in Europa

Volkswagen, il colosso automobilistico tedesco, ha recentemente annunciato che potrebbe chiudere uno dei suoi stabilimenti in Europa. La fabbrica Audi di Bruxelles, che impiega 3.000 persone, è a rischio a causa delle vendite lente dell'Audi Q8 e-tron.

La decisione arriva in un momento in cui i legislatori di Bruxelles stanno pianificando di interrompere le vendite di auto a motore a combustione in poco più di un decennio. Questo rende lo stabilimento un simbolo emblematico delle difficoltà nell'attuazione di questo obiettivo.

Se non verrà presentato un piano di salvataggio efficace durante il processo di consultazione con i lavoratori, Volkswagen potrebbe chiudere per la prima volta un impianto automobilistico in Europa. La casa automobilistica, per ora, prevede 2.600 licenziamenti nel giro di un anno.

Gli analisti del settore ritengono che la chiusura sarebbe "un passo importante nella giusta direzione". Tuttavia, la notizia ha causato un certo shock tra gli appassionati di motori, in particolare perché la Germania è da sempre uno dei principali colossi mondiali per quanto riguarda il settore automobilistico.

Il calo della crescita delle vendite di auto elettriche e l’ingente spesa per la transizione sostenibile preoccupano VW. Il gruppo tedesco ha ridotto le stime di margine operativo dal 6,5-7% al 7-7,5% e sta considerando il taglio di 2.600 dipendenti dello stabilimento di Bruxelles. Questo potrebbe segnare l'inizio di una nuova era per Volkswagen e per l'intero settore automobilistico.

Ordina per: Data | Fonte | Titolo