Rialzo del Ftse Mib e consolidamento del mercato azionario

Il Ftse Mib, l'indice principale della Borsa Italiana, ha aperto in rialzo, guadagnando lo 0,35% a quota 34.425 punti. Questo avvio positivo è stato influenzato dai nuovi massimi raggiunti da Wall Street, con i principali indici azionari statunitensi che hanno registrato rialzi superiori al punto percentuale.

Il Dow Jones ha registrato un progresso dell'1,09% a 39.721 punti, mentre l'S&P500 ha guadagnato l'1,02% a 5.634 punti, raggiungendo il nuovo massimo storico di 5.635 punti. Questi risultati hanno avuto un impatto significativo sulle piazze finanziarie europee, che hanno iniziato la giornata in territorio positivo.

Tra i titoli in evidenza a Piazza Affari, Tim ha guadagnato l'1,4%, Saipem l'1% e Campari lo 0,8%. Anche Moncler e Brunello Cucinelli hanno mostrato una performance positiva. Quest'ultimo ha riunito il consiglio di amministrazione per discutere i conti.

Lo spread Btp/Bund è scivolato ai livelli del 7 giugno e il rendimento del Btp a 10 anni è calato al 3,8% dopo l'asta di 8,5 miliardi di euro di Btp. Questo calo dello spread indica una maggiore fiducia degli investitori nei titoli di stato italiani.

Infine, il dollaro si è indebolito, un fattore che può avere implicazioni per le aziende italiane che esportano negli Stati Uniti. Tuttavia, l'impatto di questo sviluppo sul mercato azionario italiano rimane da vedere.

Ordina per: Data | Fonte | Titolo