Tim vola in borsa grazie a Standard & Poor's

Telecom Italia, nota come Tim, ha visto un notevole miglioramento nel suo rating da parte di Standard & Poor's (S&P). Questo è avvenuto dopo la vendita della sua rete al fondo Kkr. S&P ha promosso il gruppo di due gradini a BB dal precedente B+, mantenendo un outlook stabile.

S&P ha espresso la convinzione che Tim manterrà il suo forte posizionamento sul mercato domestico e in Brasile. L'agenzia prevede inoltre che la società utilizzerà i proventi della cessione per gestire la struttura del suo capitale ad alta leva finanziaria e mirare a mantenere una leva finanziaria moderata.

La notizia ha avuto un impatto positivo sulle performance di Tim in borsa. Il titolo ha registrato un incremento del 4,82%, posizionandosi in vetta al paniere del FTSE MIB, l'indice principale della Borsa di Milano. Questo miglioramento è stato galvanizzato dal giudizio positivo di S&P.

Nonostante la cessione della rete, le prospettive per Tim rimangono positive. La società potrebbe vedere ulteriori miglioramenti nella sua leva finanziaria grazie alla possibile cessione di Sparkle e della quota residua di Inwit. Queste operazioni straordinarie, insieme al potenziale incasso di 1 miliardo di euro legato alla chiusura del contenzioso con lo Stato per il canone pagato nel 1998, potrebbero portare a ulteriori rialzi del rating.

Ordina per: Data | Fonte | Titolo