Riforma scolastica in Italia: il ministro Valditara annuncia cambiamenti per le festività religiose

Il ministro dell'Istruzione italiano, Giuseppe Valditara, ha annunciato una nuova misura che riguarda le chiusure scolastiche per le festività religiose. Durante un question time alla Camera, Valditara ha dichiarato che il governo sta studiando una norma che non consentirà la chiusura delle scuole in occasione di festività religiose o nazionali non riconosciute dallo Stato italiano.

Secondo Valditara, definire le festività religiose è compito dello Stato, mentre definire il calendario scolastico è compito delle Regioni. Ha sottolineato che risulta illegittimo consentire a una scuola di sostituirsi allo Stato e alle Regioni riconoscendo di fatto festività religiose non riconosciute dall'ordinamento italiano. Questo, ha aggiunto, preclude il diritto costituzionale allo studio di studenti di altra o nessuna religione.

La notizia ha suscitato polemiche in Toscana, dove la FLC CGIL Toscana ha espresso solidarietà all’Assessora regionale Alessandra Nardini, la cui azione politica è stata oggetto di commenti da parte di Susanna Ceccardi, parlamentare europea della Lega. La Cgil ha espresso sconcerto per il fatto che queste opinioni siano state espresse riguardo un documento di Nardini che ancora non era stato inviato e, quindi, non era pubblico.

La nuova misura annunciata dal ministro Valditara mira a responsabilizzare i ragazzi e a restituire autorevolezza ai docenti. Tuttavia, la sua attuazione potrebbe portare a ulteriori polemiche e discussioni, come dimostra la reazione in Toscana. Sarà interessante vedere come si svilupperà la situazione nei prossimi mesi.

Più informazioni:
Ordina per: Data | Fonte | Titolo