Italiani rapiti in Libia, per il portavoce del generale Haftar: “C'è la mano di Al Qaeda”

Italiani rapiti in Libia, per il portavoce del generale Haftar: “C'è la mano di Al Qaeda”
Bruno Cacace, 56 anni, di Borgo San Dalmazzo (Cuneo). A dx: Danilo Calonego, 68 anni, da 30 lavora in Libia. Leggi anche. 22/09/2016. «I due italiani rapiti nel sud-ovest della Libia sono stati sequestrati da una banda criminale e dietro c'è l'impronta ... Fonte: La StampaLa Stampa
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti
Loading....