Unicredit-Mps, l'operazione piace a Kepler e a Intesa. Crollano i bond

Milano Finanza ECONOMIA

Fra l'altro oggi entrambi i titoli sono in rosso, con un Ftse Mib sopra la parità, Mps cede l'1,84% a 1,15 euro, Unicredit l'1,26% a 9,98 euro.

I broker condividono "la logica dell'accordo con Mps", che ritengono possa "essere positivo per Unicredit se tutti i principi fissati saranno rispettati".

E, ponendo come criterio una soglia del 30% per provincia (evitando quindi problemi di Antitrust) l'acquisizione potrebbe essere di circa l'80% del Monte. (Milano Finanza)

Ne parlano anche altri media

Dai fondi ok condizionato sulle trattative per il Monte. Domani Daniele Franco riferisce in Aula«Sono sempre stato chiaro sul ruolo che l'M&A; potrebbe giocare come potenziale acceleratore in grado di migliorare i nostri risultati strategici, sempre nel pieno rispetto dell'interesse dei nostri azion (La Verità)

L’operazione finisce sul tavolo del Partito democratico non solo perché ci sono le elezioni suppletive a Siena ma anche perché viene considerata un feudo della sinistra. Dalle parti del centrosinistra c’è molta preoccupazione, in primo luogo per la tutela dei lavoratori e del marchio Mps. (Corriere della Sera)

Non era meglio rinviare all’autunno, dopo le elezioni?». Sento spesso aleggiare questi interrogativi da quando, la scorsa settimana, in concomitanza con i risultati molto negativi degli stress test della Bce, è stato annunciato il negoziato tra Unicredit e Monte dei Paschi di Siena. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr