Influenza, medici: forse più impattante

Influenza, medici: forse più impattante
Momento-sera SALUTE

Influenza, i medici: «Potrebbe essere più impattante dell'anno scorso». . Lo dice il segretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg).

Secondo Scotti, « ecco che, se la circolazione del virus è stata ridotta, questo potrebbe essere un boomerang tra un mese: una gran fetta della popolazione non ha avuto la malattia ed è scoperta.

«Il virus può ingannare»: la circolazione ridotta del Covid potrebbe essere un boomerang tra un mese. (Momento-sera)

Se ne è parlato anche su altri media

Per questo l’influenza 2021-2022 potrebbe essere più impattante”. Ecco che, se la circolazione del virus è stata ridotta, questo potrebbe essere un boomerang tra un mese”, considerando che “una gran fetta della popolazione non ha avuto la malattia ed è scoperta. (Italia Sera)

Sull’organizzazione della campagna vaccinale antinfluenzale, il segretario della Fimmg evidenzia che «a noi i vaccini vengono consegnati a fine settembre-inizio ottobre; lo scorso anno io li ho avuto il 28 settembre. (Il Fatto Vesuviano)

«L'influenza infatti si autolimita tra chi è vaccinato e chi si ammala - spiega Scotti - Quest'anno, visti i pochi casi dell'inverno passato, c'è una grossa fetta che non ha anticorpi residui e potrebbe essere più suscettibile al virus» (ilmessaggero.it)

Influenza, medici famiglia: "Forse più impattante dell'anno scorso"

Stampa. La bassissima incidenza dell’influenza registrata lo scorso anno “non deve trarci in inganno. Abbiamo avuto pochissimi casi di malattie respiratorie, raffreddori e problemi respiratori dovuti a batteri perché erano attive tutte le misure anti-Covid, dalla mascherina al lavaggio delle mani, ed erano chiuse molte attività sociali e anche la scuola. (Salernonotizie.it)

Lo evidenzia all’Adnkronos Salute il segretario nazionale della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg), Silvestro Scotti, facendo il punto in vista dell’avvio della campagna antinfluenzale e sulla continuazione di quella anti-Covid, anche con la novità della terza dose. (Reportage online)

Ecco che, se la circolazione del virus è stata ridotta, questo potrebbe essere un boomerang tra un mese”, considerando che “una gran fetta della popolazione non ha avuto la malattia ed è scoperta. La bassissima incidenza dell’influenza registrata lo scorso anno “non deve trarci in inganno. (Mantovauno.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr