Un Trattato del Quirinale permanente minerebbe le basi dell'Unione europea

Un Trattato del Quirinale permanente minerebbe le basi dell'Unione europea
Panorama ESTERI

Sarebbe bene che prima della firma l'accordo passasse dal Parlamento. Anche se a richiedere attenzione è la volontà di instaurare tavoli permanenti tra i due Paesi. Il rischio è che nelle future trattative vinca sempre il più forte. E Bruxelles perda di sensoI momenti vitali per uno Stato sono pochi

(Panorama)

La notizia riportata su altri giornali

Insomma, in casa Fratelli d'Italia si grida allo scandalo per un Trattato che consegnerebbe l'Italia alla sfera di influenza francese. Il Trattato del Quirinale è "di particolare importanza con un impianto che segna un salto di qualità" nelle relazioni bilaterali (Fanpage)

Trattato del Quirinale: cosa prevede. Il documento era già stato annunciato nel 2017, quando Paolo Gentiloni era alla presidenza del Consiglio Nella giornata di giovedì, Emmanuel Macron, presidente della Repubblica francese, sarà a Roma per firmare l’intesa con Mario Draghi. (Notizie.it)

Il patto dell’Eliseo del 1963 tra Francia e Germania, al quale quello del Quirinale pare ispirato, era molto diverso. “Il trattato del Quirinale sarà ancora un vuoto a perdere o nascerà la Frantalia?”. (Il Sussidiario.net)

Italia-Francia, Trattato del Quirinale: cosa sappiamo

La dimensione della riconciliazione post-bellica franco-tedesca rappresenta una specificità del Trattato dell’Eliseo che non si ritrova nel Trattato bilaterale italo-francese. Il presidente francese, constatato l’aumento degli attriti, in occasione del summit bilaterale di Lione di settembre lanciò dunque l’idea di un Trattato bilaterale che contribuisse a stabilizzare di nuovo i rapporti. (L'HuffPost)

Dopo quattro anni di rinvii e diversi alti e bassi arriva finalmente la firma del trattato, simbolo del riavvicinamento tra i due Paesi. Ecco tutto quello che c’è da sapere. Si avvicina la firma del Trattato del Quirinale tra Francia e Italia. (FIRSTonline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr