Padrin: più vaccini per salvare il turismo nel Bellunese

Padrin: più vaccini per salvare il turismo nel Bellunese
Corriere Delle Alpi ECONOMIA

Duemila vaccini al giorno. «In provincia di Belluno si somministrano, in media, duemila vaccini al giorno», riferisce Padrin.

Padrin rileva anche che appare assai improbabile modificare le priorità: «Il piano vaccinale è nazionale, mutuato sul territorio dalla Regione.

C’è una corsa al vaccino, tutti vorremmo farlo, ma siamo costretti ad aspettare, nella speranza che arrivino più vaccini».

Purtroppo tutto dipende dalla quantità di vaccini disponibili e al momento non ci sono elementi per affermare che vi sia un’accelerazione importante in vista. (Corriere Delle Alpi)

Su altri media

Roberto Padrin, presidente della Provincia, raccoglie e rilancia l’invito, per assicurare un’opportunità in più ai futuri turisti «È un trend molto interessante», ammette Lucia Faranzena, operatrice di Alleghe e Rocca Pietore. (Corriere Delle Alpi)

«Il nostro prodotto è realizzato con orzo coltivato in Valbelluna, acqua delle Dolomiti e resina degli abeti dei boschi bellunesi La Birra Cortina di BeerFirm Dolomiti è medaglia d’oro al Concours International de Lyon 2021. (Corriere Delle Alpi)

Belluno, solo dieci comuni in “zona rossa”: «Contagi in calo, ma stiamo attenti»

Il giovane stava per salire a bordo di un’auto, visti i poliziotti, si è allontanato. Erano oltre 30 anni che non si vedeva un sequestro simile di cocaina da parte delle forze dell’ordine (LaPresse)

Rispetto ai sette giorni precedenti, l’incidenza di casi ogni 100 mila abitanti risulta in piena regressione, soprattutto nelle zone di montagna: dal Cadore al Comelico, da Cortina all’Agordino. Soltanto tre i comuni che ancora registrano un’incidenza superiore ai 500 casi per 100 mila abitanti: San Nicolò, Colle Santa Lucia e Alleghe. (Corriere Delle Alpi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr