Richieste di mutuo, Lucca seconda dopo Firenze per importi

Richieste di mutuo, Lucca seconda dopo Firenze per importi
NoiTV - La vostra televisione ECONOMIA

Valori in calo, invece, per le province di Grosseto, dove l’importo medio richiesto è calato del 2,0% arrivando a 129.048 euro, Pisa (-4,5%, 134.380 euro), Siena (-4,8%, 132.597 euro) e Arezzo, dove l’importo medio richiesto nel primo trimestre 2021, pari a 116.664 euro, è diminuito del 4,9%.

Nonostante questo però, i toscani sono ancora indirizzati alla scelta del tasso fisso, dato che nel 2021 almeno 9 mutuari su 10 hanno scelto questa soluzione

Ad aver registrato la crescita più importante è Firenze, dove l’importo medio richiesto è salito del 7,0%, arrivando a 155.108 euro. (NoiTV - La vostra televisione)

Ne parlano anche altri media

In calo, oltre a Pisa, anche Grosseto (-2,0%, 129.048 euro), Siena (-4,8%, 132.597) e Arezzo (-4,9%, 116.664). L’importo medio richiesto per un mutuo in provincia di Pisa è, infatti, pari a 134.380 euro, in calo rispetto al medesimo periodo del 2020 (-4,5%). (La Nazione)

Non servirà più l’anticipo per aprire il mutuo perché a fare da garante ci sarà lo Stato. Un prossimo decreto legge regolerà le nuove disposizioni per aiutare gli under 35 a ottenere l’ok dalle banche per il finanziamento. (La Stampa)

SCENARIO UE/ La Bce blinda Draghi a palazzo Chigi e avverte i partiti di maggioranza. Ora il pacchetto di norme è pronto e le novità in arrivo da Palazzo Chigi pongono due principali novità sul fronte mutui: tutti coloro che hanno meno di 36 anni e comprano una prima casa potranno accedere al Fondo di garanzia sui mutui per la prima casa. (Il Sussidiario.net)

Bologna, moratorie e finanziamenti per sostenere le imprese

Quella che ha registrato la crescita più importante è Firenze, dove l’importo medio richiesto è salito del 7,0%, arrivando a 155.108 euro. Nonostante questo, però, gli abitanti della Toscana sembrano ancora affezionati al tasso fisso tanto che, nel primo trimestre del 2021, più di nove aspiranti mutuatari su dieci hanno scelto questa opzione. (LuccaInDiretta)

E tra l’altro, il 28% di chi ha già usufruito dei finanziamenti di liquidità sarebbe interessato a chiedere ulteriori importi. Sono questi i risultati più significativi di un sondaggio realizzato da Cna su un campione di un migliaio di piccole imprese bolognesi. (il Resto del Carlino)

Lo ha anticipato il presidente del consiglio Mario Draghi, durante la presentazione alla Camera del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). Ma l’idea è quella di mettere gli under 35 nelle condizioni di acquistare la prima casa con maggiore facilità. (Wall Street Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr