Il nuovo spread dell’Eurozona potrebbe diventare l’inflazione: a marzo dal -2% greco al +2,5% in Lussemburgo

Il nuovo spread dell’Eurozona potrebbe diventare l’inflazione: a marzo dal -2% greco al +2,5% in Lussemburgo
Business Insider Italia ECONOMIA

Ci si può aspettare che questi fattori scompaiano dai tassi di inflazione annuali all’inizio del prossimo anno”

L’inflazione divergente. . E l’inflazione?

L’obiettivo è quello di disinnescare l’aumento dei rendimenti obbligazionari, che rischia di ripercuotersi negativamente sulla ripresa economica in Europa giudicata ancora fragile.

La Bce resterà sostanzialmente alla finestra, anche se ha già detto che prevede di aumentare “significativamente” il ritmo degli acquisti del Pepp nel secondo trimestre. (Business Insider Italia)

La notizia riportata su altre testate

"Non ci aspettiamo grandi sviluppi", commenta a proposito Peter Allen Goves, fixed income research analyst di Mfs Im. Secondo gli esperti, però, è verosimile che durante il meeting l'istituto di Francoforte scelga di mantenere le sue indicazioni invariate, rimandando decisioni più decisive al successivo incontro di giugno. (Milano Finanza)

E' quanto emerge dalla Bank Lending Survey della Bce, l'indagine trimestrale sul credito bancario condotta su 143 istituti del continente condotta fra l'11 e il 26 marzo. (Il Sole 24 ORE)

(LaPresse) – “Gli acquisti netti nell’ambito del Programma di acquisto di attività (PAA) proseguiranno a un ritmo mensile di 20 miliardi di euro”. E’ quanto scrive la Bce nella nota pubblicata al termine della riunione di politica monetaria del comitato direttivo. (LaPresse)

Bce: Acquisti Pepp flessibili in base a condizioni mercato

Quindi potrebbe non esserci un rialzo dei tassi vero e proprio, ma la Bce potrebbe anche solo paventarlo…. Sì, potrebbe anche esserci l’annuncio di un aumento di lì a qualche mese. orte: senza riaperture a rischio anche le banche. (Il Sussidiario.net)

(LaPresse) – I tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi presso la banca centrale europea rimangono invariati rispettivamente allo 0,00%, allo 0,25% e al -0,50%. (LaPresse)

Milano, 22 apr. (LaPresse) – Il Consiglio direttivo della Bce condurrà gli acquisti nell’ambito del programma pandemico Pepp “in maniera flessibile in base alle condizioni di mercato, allo scopo di evitare un inasprimento delle condizioni di finanziamento incompatibile con il contrasto dell’effetto al ribasso della pandemia sul profilo previsto per l’inflazione”. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr