Scherma, Olimpiadi Tokyo 2021: i convocati dell’Italia. Tutte le squadre qualificate

Scherma, Olimpiadi Tokyo 2021: i convocati dell’Italia. Tutte le squadre qualificate
OA Sport SPORT

ITALIA NELLA SCHERMA PER LE OLIMPIADI. Fioretto maschile. Gara individuale e gara a squadre: Andrea Cassarà, Alessio Foconi, Daniele Garozzo.

Spada femminile. Gara individuale e gara a squadre: Rossella Fiamingo, Federica Isola, Mara Navarria.

Sciabola maschile. Gara individuale e gara a squadre: Enrico Berrè, Luca Curatoli, Luigi Samele.

Fioretto femminile. Gara individuale e gara a squadre: Martina Batini, Arianna Errigo, Alice Volpi. (OA Sport)

La notizia riportata su altri giornali

I convocati per l’Olimpiade. Due umbri pronti a farsi valere alle Olimpiadi di Tokyo: il fiorettista di Terni Alessio Foconi e lo spadista di Foligno Andrea Santarelli. Due umbri pronti a farsi valere alle Olimpiadi di Tokyo. (TuttOggi)

Dopo un lungo e brillante percorso di qualificazione, infatti, la Nazionale italiana ha conquistato il diritto di partecipare a tutte le competizioni in programma ai Giochi in Giappone. Sono 24 gli azzurri della scherma che scenderanno in pedana dal 24 luglio al 1° agosto per conquistare una medaglia ai Giochi olimpici di Tokyo. (la Repubblica)

Per questo il comitato e le varie prefetture, non sembrano al momento preoccuparsi di questa forte diminuzione In questo clima non stupisce che i volontari che si erano offerti per le prove su strada di ciclismo stiano facendo marcia indietro. (SpazioCiclismo)

Olimpiadi Tokyo 2020, tra le misure di sicurezza: giornalisti monitorati con gps, no agli spettatori stranieri

E non finisce qui perché anche Rebecca Nicoli potrebbe guadagnare il pass lunedì con uno spareggio con la greca Pita. La «veterana» Irma Testa ha 24 anni, è campana, combatte nei pesi piuma e a Rio nel 2016 è stata la prima pugilessa italiana a partecipare alle Olimpiadi. (Corriere della Sera)

L’evento avrebbe dovuto tenersi nel marzo 2020, quando il Giappone contava 865 casi attivi, mentre nel Mondo se ne contavano 385 mila. Il governo giapponese ha deciso di estendere lo stato di emergenza fino al 20 giugno. (La Stampa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr