La carica delle cartelle: le date da conoscere e come si paga

ilGiornale.it ECONOMIA

La sanatoria riguarda, infatti, i contribuenti che hanno certificato nel 2019 un reddito inferiore ai 30mila euro

Il prossimo 30 novembre 2021 scadono invece i termini di pagamento delle rate di febbraio, marzo, maggio e luglio dell'anno in corso.

Tutti i pagamenti oggetto di sospensione nel cosiddetto decreto Sostegni-bis potranno essere comunque rateizzati, anche se per ottenere tale beneficio sarà necessario presentare specifica istanza entro la fine dello stesso mese di settembre. (ilGiornale.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Anche il contenzioso, osserva il governo, «ne risulterebbe semplificato: il contribuente che riceverà una cartella chiamerà in giudizio un soggetto solo» Il governo è pronto a modificare i sistemi attraverso i quali i contribuenti morosi possono regolarizzare a rate i lori debiti fiscali. (ilmessaggero.it)

Nel frattempo, dal primo settembre, sono in arrivo milioni di cartelle esattoriali arretrate per i contribuenti italiani. Altre cartelle esattoriali, quelle che risalgono al periodo 2000/2010 sono state azzerate, ma solo per chi ha un reddito inferiore a 30.000 euro, e per le cartelle esattoriali che sono inferiori a 5. (The Wam.net)

Le risorse che dovrebbero finanziarla verranno prese dai soldi recuperati dall’evasione. Tra gli obiettivi del prossimo triennio, in ogni caso, c’è la riforma fiscale, e come dicevamo gli scopi sono due:. (I-Dome.com)

Italia Agenzia delle Entrate. Cartelle esattoriali, rottamazione ter e saldo e stralcio: rate da settembre Cartelle esattoriali, rottamazione ter e saldo e stralcio: rate da settembre. Stop delle cartelle ad agosto mentre le rate della rottamazione e del saldo e stralcio non pagate nel 2020 ripartiranno in agosto ma a rate: cioè si pagheranno entro il 31 luglio 2021 le rate scadute il 28 febbraio 2020 (rottamazione-ter) e 31 marzo 2020 (saldo e stralcio). (Quotidianodiragusa.it)

Contrasto che sarà sempre più digitalizzato e orientato alla analisi dei dati che alimentano le banche dati fiscali per cui si punta all'interoperabilità. Torna alla ribalta come principale canale di finanziamento della riforma, la cui legge delega è attesa entro la fine del mese di luglio, il fondo fedeltà fiscale che sarà alimentato dagli introiti della lotta all'evasione. (Italia Oggi)

«Chiediamo – ha concluso – di provvedere alla riscossione coattiva e di mettere mano a metodi più persuasivi, istituendo un ufficio unico delle entrate». Aosta: riscossione crediti, inviate prime lettere ai Top 100 debitori. (gazzettamatin.com)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr